Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Topic: NBA  (Letto 149763 volte)

0 Utenti e 6 Visitatori stanno visualizzando questo topic.


Offline Sonny Boy

  • Omar Sivori
  • *****
  • Post: 14221
  • Karma: 285
  • Squadra del cuore:
« Risposta #75 il: Settembre 08, 2011, 08:50:17 am »
Come scandisce Gary Neal ogni giorno nella sua pagina facebook, siamo arrivati al 70esimo giorno di lockout: detto delle difficoltà che sta portando la serrata, anche tra i giocatori, finalmente si hanno novità positive. Oggi infatti è in programma una riunione tra Lega e associazione giocatori che potrebbe portare al naturale ricongiungimento tra le parti. Al meeting, solo il terzo dal 1° luglio, giorno in cui è iniziato il lockout, saranno presenti tutti i personaggi principali (David Stern e Adam Silver in rappresentanza della NBA, Peter Holt proprietario degli Spurs, Billy Hunter il presidente dell’unione dei giocatori, il suo consigliere Ron Klempner e Derek Fisher) segno di distensione tra le due fazioni. I segnali in effetti sembrano positivi: pare che nelle scorse settimane ci siano stati dei tentativi di conciliazione fatti in gran segreto, e nell’ultimo incontro qualche avvicinamento c’era stato. Oltretutto se i punti discordanti si affievoliranno ci saranno altre tre riunioni nei prossimi giorni per accelerare i tempi: il lavoro da fare è parecchio ed il tempo rimasto ormai è poco. Per far iniziare la stagione completa, cioè con tutte e 82 le partite, bisogna risolvere la disputa in un paio di settimane. In caso di fumata nera invece i tempi per forza di cose si dilateranno parecchio ed il campionato difficilmente inizierà prima di novembre o dicembre. Dead line definitiva (a meno che Stern non cambi idea) sarà comunque il 10 gennaio, oltre quella data in ogni caso non si inizierà la stagione.
L’eventuale partenza della macchina di mr. Stern sarebbe sinonimo di abbandono dai nostri campionati di tantissime stelle, ma diciamoci la verità: l’NBA è l’NBA!

    Offline Def Leppard

    • BORUSSIA DORTMUND MERDA !!!!!!!
    • Degustatore di ananassi
    • Antônio Careca
    • ****
    • Post: 22848
    • Karma: 978
    • Sesso: Maschio
    • ANTIRUBENTINO NEL DNA!!!!
    • Squadra del cuore:
    « Risposta #76 il: Settembre 08, 2011, 15:25:02 pm »
    Devo dire che non se ne può più con queste minacce di lock out, ormai quasi tutti gli anni fanno questo... comunque speriamo si giochi, un'altra stagione senza nba non la posso sopportare, proprio ora che i miei Bulls stanno rinascendo poi  :peto:, dopo molti anni bui... :sbonk:

      Offline 'Lucas

      • Degustatore di ananassi
      • Edinson Cavani
      • ****
      • Post: 10738
      • Karma: 129
      • Squadra del cuore:
      « Risposta #77 il: Settembre 08, 2011, 15:42:37 pm »
      Forse siamo arrivati a una svolta nella disputa tra Associazione proprietari e Associazione giocatori che al momento sta tenendo bloccato il campionato NBA. Le due parti, che negli ultimi tempi si sono avvicinate parecchio, sembrano aver fatto un ulteriore passo una verso l’altra per cercare di chiudere quanto prima questa parentesi buia che sta vivendo la Lega.

      Dopo 5 ore e mezza di incontro, ieri, i rispettivi portavoce sono usciti finalmente con una faccia distesa, a differenza di quello che era successo le settimane scorse.
      Billy Hunter, rappresentante dei giocatori ha detto:

      “C’è tempo per trovare l’accordo e salvare l’intera stagione.”

      Dichiarazioni a cui si è accodato anche Derek Fisher, il presidente dei giocatori:

      “Ovviamente il fatto di poterci incontrare con maggiore frequenza è una cosa positiva, però al momento non si può dire se stiamo andando nella direzione giusta. Il tempo è sempre di meno ma questo non vuol dire che sia finito. Continueremo fino alla fine a fare del nostro meglio affinchè si possa trovare una soluzione.”

      Il commissioner David Stern invece è rimasto più vago:

      “Stiamo cercando di risolvere i problemi. Ci incontreremo ogni volta che ne avremo la possibilità per cercare di limare la distanza che ci separa, ma per ora non si può dire se le cose vanno bene o male.”

      La distanza a cui si riferisce il capo dell’NBA sono sempre i soldi e la percentuale di introiti che devono spettare a proprietari e giocatori. Il nodo rimane lo stesso ma il fatto che quest’oggi e domani ci saranno altri due incontri tra le parti significa sicuramente che entrambi hanno fatto un passo indietro rispetto alle prime richieste/offerte (i giocatori solo un mese fa avevano definito come “insultante” l’offerta fatta dalla Lega).

      Alcune indiscrezioni poi rivelano anche una doppia richiesta singolare fatta dai proprietari, una modifica all’attuale struttura del draft. Le franchigie infatti vorrebbero l’inserimento di un terzo giro di scelte, oppure che le 15 squadre con il record peggiore possano avere le scelte di tutto il primo giro (quindi chi pesca la #1 assoluta avrebbe anche la #16), lasciando invece il secondo giro alle 15 squadre con il record migliore.
      Oppure terza proposta che le 8 squadre con il record peggiore abbiano due scelte al primo giro (la #1 e la #22 per intenderci) e le 8 migliori, invece, possano scegliere solamente al secondo giro.



        Online #amanteroschifo

        • Diego Armando Maradona
        • *****
        • Post: 67109
        • Karma: 512
        • Squadra del cuore:
        « Risposta #78 il: Settembre 08, 2011, 16:12:35 pm »
        Forse siamo arrivati a una svolta nella disputa tra Associazione proprietari e Associazione giocatori che al momento sta tenendo bloccato il campionato NBA. Le due parti, che negli ultimi tempi si sono avvicinate parecchio, sembrano aver fatto un ulteriore passo una verso l’altra per cercare di chiudere quanto prima questa parentesi buia che sta vivendo la Lega.

        Dopo 5 ore e mezza di incontro, ieri, i rispettivi portavoce sono usciti finalmente con una faccia distesa, a differenza di quello che era successo le settimane scorse.
        Billy Hunter, rappresentante dei giocatori ha detto:

        “C’è tempo per trovare l’accordo e salvare l’intera stagione.”

        Dichiarazioni a cui si è accodato anche Derek Fisher, il presidente dei giocatori:

        “Ovviamente il fatto di poterci incontrare con maggiore frequenza è una cosa positiva, però al momento non si può dire se stiamo andando nella direzione giusta. Il tempo è sempre di meno ma questo non vuol dire che sia finito. Continueremo fino alla fine a fare del nostro meglio affinchè si possa trovare una soluzione.”

        Il commissioner David Stern invece è rimasto più vago:

        “Stiamo cercando di risolvere i problemi. Ci incontreremo ogni volta che ne avremo la possibilità per cercare di limare la distanza che ci separa, ma per ora non si può dire se le cose vanno bene o male.”

        La distanza a cui si riferisce il capo dell’NBA sono sempre i soldi e la percentuale di introiti che devono spettare a proprietari e giocatori. Il nodo rimane lo stesso ma il fatto che quest’oggi e domani ci saranno altri due incontri tra le parti significa sicuramente che entrambi hanno fatto un passo indietro rispetto alle prime richieste/offerte (i giocatori solo un mese fa avevano definito come “insultante” l’offerta fatta dalla Lega).

        Alcune indiscrezioni poi rivelano anche una doppia richiesta singolare fatta dai proprietari, una modifica all’attuale struttura del draft. Le franchigie infatti vorrebbero l’inserimento di un terzo giro di scelte, oppure che le 15 squadre con il record peggiore possano avere le scelte di tutto il primo giro (quindi chi pesca la #1 assoluta avrebbe anche la #16), lasciando invece il secondo giro alle 15 squadre con il record migliore.
        Oppure terza proposta che le 8 squadre con il record peggiore abbiano due scelte al primo giro (la #1 e la #22 per intenderci) e le 8 migliori, invece, possano scegliere solamente al secondo giro.



        che sfiga, da facebook



        Atterrato a Istanbul 12 minuti fa, mi sa che se ne deve tornare indietro :look:

          Offline Sonny Boy

          • Omar Sivori
          • *****
          • Post: 14221
          • Karma: 285
          • Squadra del cuore:
          « Risposta #79 il: Settembre 08, 2011, 16:17:48 pm »
          che sfiga, da facebook



          Atterrato a Istanbul 12 minuti fa, mi sa che se ne deve tornare indietro :look:
          Come tutti quelli,la maggior parte a dire la verità,che hanno firmato contratti con l'nba escape.

            Online #amanteroschifo

            • Diego Armando Maradona
            • *****
            • Post: 67109
            • Karma: 512
            • Squadra del cuore:
            « Risposta #80 il: Settembre 08, 2011, 16:26:38 pm »
            Come tutti quelli,la maggior parte a dire la verità,che hanno firmato contratti con l'nba escape.
            Io sinceramente spero quasi quasi nel lockout. Quando ci capita più di vedere un giocatore come Deron Williams in europa (che come play reputo il migliore in NBA, anche più di Paul) :asd:

              Offline Sonny Boy

              • Omar Sivori
              • *****
              • Post: 14221
              • Karma: 285
              • Squadra del cuore:
              « Risposta #81 il: Settembre 08, 2011, 18:11:57 pm »
              Io sinceramente spero quasi quasi nel lockout. Quando ci capita più di vedere un giocatore come Deron Williams in europa (che come play reputo il migliore in NBA, anche più di Paul) :asd:
              In realtà il besiktas non disputerà nemmeno l'eurolega,quindi a meno che non segua l'eurocup o il campionato turco di occasioni purtroppo ce ne saranno ben poche

                Offline Def Leppard

                • BORUSSIA DORTMUND MERDA !!!!!!!
                • Degustatore di ananassi
                • Antônio Careca
                • ****
                • Post: 22848
                • Karma: 978
                • Sesso: Maschio
                • ANTIRUBENTINO NEL DNA!!!!
                • Squadra del cuore:
                « Risposta #82 il: Settembre 08, 2011, 20:20:56 pm »
                In realtà il besiktas non disputerà nemmeno l'eurolega,quindi a meno che non segua l'eurocup o il campionato turco di occasioni purtroppo ce ne saranno ben poche
                E tenendo conto che a Napoli non abbiamo una squadra di basket   :sbonk: :sbonk: :sbonk:, comunque anche se questi campioni dell'nba giocasseroin europa o in Italia, comunque potresti vederli solo in tv. A questo punto, televisione per televisione, preferisco vederli nell'nba...

                  Online #amanteroschifo

                  • Diego Armando Maradona
                  • *****
                  • Post: 67109
                  • Karma: 512
                  • Squadra del cuore:
                  « Risposta #83 il: Settembre 08, 2011, 20:50:17 pm »
                  In realtà il besiktas non disputerà nemmeno l'eurolega,quindi a meno che non segua l'eurocup o il campionato turco di occasioni purtroppo ce ne saranno ben poche
                  Credevo facessero l'eurolega...

                    Offline 'Lucas

                    • Degustatore di ananassi
                    • Edinson Cavani
                    • ****
                    • Post: 10738
                    • Karma: 129
                    • Squadra del cuore:
                    « Risposta #84 il: Settembre 08, 2011, 21:19:17 pm »
                    Solo le squadre cinesi si sono rifiutate di inserire clausole escape...Difatti la firma di Chandler pe quella squadra streveza mi aveva fatto cacare sotto in questo senso; speriamo che si sia bevuto il cervello e non che abbia avuto notizie negative sul fronte lockout

                      Online #amanteroschifo

                      • Diego Armando Maradona
                      • *****
                      • Post: 67109
                      • Karma: 512
                      • Squadra del cuore:
                      « Risposta #85 il: Settembre 08, 2011, 21:21:33 pm »
                      Solo le squadre cinesi si sono rifiutate di inserire clausole escape...Difatti la firma di Chandler pe quella squadra streveza mi aveva fatto cacare sotto in questo senso; speriamo che si sia bevuto il cervello e non che abbia avuto notizie negative sul fronte lockout
                      Chandler doveva andà a Milano, è finito in Cina :facepalm:

                      Se il lockout si protrae comunque, vedo quasi sicuro il ritorno di Gallinari a Milano, mi so pure rotto le palle di Siena :asd:

                        Offline 'Lucas

                        • Degustatore di ananassi
                        • Edinson Cavani
                        • ****
                        • Post: 10738
                        • Karma: 129
                        • Squadra del cuore:
                        « Risposta #86 il: Settembre 08, 2011, 21:25:45 pm »
                        Per me dopo Staten Island il basket si può appicciare in blocco, nun me può fregar di meno  :look:

                          Online Beasy

                          • Fernando De Napoli
                          • **
                          • Post: 751
                          • Karma: 4
                          • Squadra del cuore:
                          « Risposta #87 il: Settembre 11, 2011, 23:31:00 pm »
                          martedi ci sarà un nuovo incontro e ci sono possibilità che i presidenti presentino la prima offerta ufficiale

                          speriamo bene

                            Offline 'Lucas

                            • Degustatore di ananassi
                            • Edinson Cavani
                            • ****
                            • Post: 10738
                            • Karma: 129
                            • Squadra del cuore:
                            « Risposta #88 il: Settembre 12, 2011, 12:58:29 pm »
                            Beh, già il fatto che gli incontri si susseguano vuol dire che un margine di trattativa, seppur minimo, c'è...Due mesi fà Fisher defi' l'offerta un insulto e non voleva manco piu' sedersi a parlare...Speriamo si riesca a salvare al meno metà stagione, in due settimane difficile che possa avvnire un miracolo

                              Offline Sonny Boy

                              • Omar Sivori
                              • *****
                              • Post: 14221
                              • Karma: 285
                              • Squadra del cuore:
                              « Risposta #89 il: Settembre 12, 2011, 23:03:41 pm »
                              Non è una lega, come si sono affretati a chiarire gli organizzatori, probabilmente per evitare problemi contrattuali. Ma le Impact Basketball Competitive Training Series, al via oggi a Las Vegas, Nevada, sono quanto di più vicino all'Nba i tifosi potranno vedere a settembre. Due settimane di partite intense, "con squadre impegnate su entrambi i lati del campo" promettono gli organizzatori, e oltre 60 pro' Nba a darsi battaglia, con in testa la star dei Knicks Chauncey Billups; DeMar DeRozan, compagno di squadra a Toronto di Andrea Bargnani; John Wall, prima scelta assoluta al draft 2010; e Rashard Lewis, che nel 2011-12 sarà il secondo giocatore più pagato dell'Nba con i suoi 22,1 milioni di dollari, più "povero" solo di Kobe Bryant.
                              LA LEGA — Si gioca all'Impact Basketball Gymansium, circa due miglia a sud est della Strip, la famosissima strada dei Casinò di Las Vegas. Otto squadre, quattro partite al giorno a cominciare dalle 22.30 ora italiana in diretta internet e dal vivo per i fortunati 500 che riusciranno ad accaparrarsi i biglietti disponibili, a 20 dollari a giornata. Regole Nba con 10 minuti per quarto. E niente allenatori. Questa settimana si gioca fino a giovedì, poi si riprende lunedì 19 con le ultime tre giornate del girone, i playoff in programma giovedì 22 e le finali venerdì 23. "Qui le partite non finiranno 132-130" promette Joe Abunassar, l'inventore della Impact Competitive Series.
                              MR. ABUNASSAR — Abunassar è considerato da anni il miglior allenatore individuale in circolazione, capace di esaltare il talento e trasformarlo in concretezza sul campo. L'idea delle Impact Competitive Series gli è venuta vista la sua lunga lista di clienti Nba e il lockout che li costringe ad allenarsi individualmente senza la supervisione delle squadre: "Durante l'offseason non è mai successo che così tanti giocatori si siano ritrovati per allenarsi insieme". ha spiegato Abunassar. Tra i suoi clienti anche Chauncey Billups: "Mi alleno con Joe da 14 anni perché le sue strutture continuano a essere le migliori per allenarsi ed incrementare il proprio gioco- ha spiegato il play dei Knicks -. Saranno due settimane fantastiche per tutti".
                              SETTIMANA CHIAVE PER IL LOCKOUT — Le Impact Series aprono una settimana chiave nelle trattative tra proprietari e giocatori per il rinnovo del contratto collettivo. Dopo il doppio incontro della settimana scorsa che ha fatto tornare un po' di ottimismo dopo due mesi di serrata, le due parti si vedranno domani a New York. Poi giovedì sarà il giorno degli incontri individuali: il commissioner David Stern e i proprietari Nba a Dallas; Derek Fisher e il sindacato giocatori a Las Vegas. Ci sono ancora un paio di settimane per salvare la stagione nella sua interezza, con la partenza dei training camp prevista per il 3 ottobre e le prime partite di regular season in calendario il primo novembre. Le parti restano lontane centinaia di milioni di dollari, ma perdere anche una sola partita dopo il successo di pubblico della stagione 2010-11 sembra ora a tutti un danno ancora più grave. Per adesso ci sono le Impact Series, ma l'Nba, quella vera, potrebbe non essere così lontana.

                                 

                                SimplePortal 2.3.7 © 2008-2019, SimplePortal