Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Topic: NBA  (Letto 147730 volte)

0 Utenti e 15 Visitatori stanno visualizzando questo topic.


Offline Sonny Boy

  • Omar Sivori
  • *****
  • Post: 14221
  • Karma: 285
  • Squadra del cuore:
« Risposta #555 il: Marzo 27, 2012, 09:23:15 am »
La giornata tipo di Lebron James
Spoiler
ore 8:30 Il Prescelto si sveglia

ore 9:15 squilla il cellulare. E’ il proprietario di una delle più grandi gioiellerie della Florida “Ciao Kobe, volevo chiederti se puoi farmi da testimonial per il lancio della mia nuova linea di anelli, mi ha dato il tuo numero David Stern”….. tu-tu-tu-tu-tu-tu…

ore 9:17 Lebron telefona a Stern “Spero che i Lakers trasferiscano la franchigia a Caltanissetta”.

ore 9:30 Arriva Norris Cole, oggi gli toccano il salotto e il bagno: è il maggiordomo di Lebron.

ore 10:00 Norris prepara la colazione e gliela serve a letto. Nel frattempo gli prepara un bel bagno caldo con aromi esotici come piacciono a Lebron.

ore 11:30 Seduta di tiro in vista della partita di stasera: Miami-Dallas, il remake dell’ultima finale. Ogni giocatore si allena sulle cose che sa fare meglio. Joel Anthony apre le noci di cocco con le mani, Chris Bosh ripassa le equazioni di secondo grado, Mike Miller si infortunia a tutti e due i lobi delle orecchie, Juan Howard sciacqua il catetere, Lebron simula il possesso decisivo giocando a nascondino, Wade spacca il naso al magazziniere.

ore 13:00 Spoelstra ordina il rompete le righe e come ogni giorno all’ora di pranzo chiama tutti i suoi parenti. 21 interurbane in 21 paesi diversi.

ore 13:30 Sotto la doccia si scherza. Wade getta la saponetta, Juan Howard si piegha per raccoglierla ma viene colto dal colpo della strega e rimane bloccato, allora si piega James Jones ma da dietro Lebron lo placca con veemenza. Ecco allora che Lebron dopo aver ammiccato a Dwayne si china dolcemente per raccogliere la saponetta. Quello che succede dopo non ve lo racconto. Però vi do un piccolo aiuto: immaginate Cecchi Paone a casa di Roberto Bolle, tutti e due imbottiti di viagra, con Elton John come sottofondo.

ore 15:00 Lebron deve decidere se pranzare al Burger King o da Mc Donald’s. Convoca la CNN, la BBC, ESPN, FOX, SKY, STREAM, TELE+, IL TIMES, LE FIGARO, LE NAZIONI UNITE, perchè a reti unificate comunicherà la sua scelta.
Alla fine decide per Mc Donald’s.
Entra, il locale è vuoto ci sono solo lui e un ragazzino di 8 anni. Una sola cassa aperta. Lebron guarda il ragazzino con aria di sfida e lo brucia in partenza per ordinare per primo. Il ragazzino al fotofinish si gioca l’asso nella manica “Hey Lebron, ho appena visto passare la macchina di Delonte, andava verso casa di tua madre”. Il ragazzino può quindi ordinare tranquillamente in perfetta solitudine.

ore 16:00 Lebron è a casa a rilassarsi prima del match. Si stende nel lettone a guardarsi il suo film preferito “Il signore degli anelli”

ore 17:30 La mamma lo sveglia ricordandogli che si deve alzare per andare alla partita “Ciao Lebbry, cucciolone di mamma, stai bene? Dai forza alzati dal lettone e corri corri corri a vincere un’altra partita! Io purtroppo questa sera non riuscirò a venire a palazzo perchè mi è giunto orora un fastidiosissimo mal di testa”
“Mamy, mi dispiace tantissimo. Vuoi che passi dalla farmacia a prenderti qualcosa? Vuoi che mandi qualcuno a farti compagnia?”
“Lebbry che tenero che sei, non ti preoccupare, mi verrà a fare compagnia Tiger Woods. E’ un ragazzo tanto caro e affidabile”
“Ok Mamy, batterò quel tedesco infame solo per te”

ore 18:15 negli spogliatoi si fa video pre-partita. Spoelstra nello spiegare alcuni movimenti d’attacco mostra come Dirk quando riceve in post-alto è molto pericoloso perchè se gli si sta a un metro tira e fa canestro, se gli si sta attaccati batte l’uomo e va ad appoggiare. Interviene Chris Bosh, “Coach non preoccuparti, lo mando a destra, è mancino e a destra farà una gran fatica”. Nel frattempo Juan Howard è col fisioterapista che lo fascia e gli spalma balsamo di tigre come fosse la nutella per Galeazzi. Mike Miller si tiene la testa fra le mani in fase di intensa concentrazione ma sfortunatamente si lesiona il tendine del polso sinistro. Obiettivo dell’incontro chiudere la partita nel terzo quarto, perchè se si arriva pari negli ultimi minuti, parola di Spoelstra, “sono cazzi amari”.

ore 19:30 manca mezz’ora alla partita. Durante la fase di riscaldamento Wade e Lebron prendono in giro Nowitzki faccendogli il baffetto alla Hitler

ore 19:55 Presentazione delle squadre. Lebron sussurra all’orecchio di Wade “Dwayne chi è il più forte? Dimmi chi è il più forte” “Sei tu Lebron, sei solo tu, il più grande, il numero uno in assoluto” “Dimmelo ancora Dwayne chi è il più forte?” “Sei tu Lebron, sei meglio di Jordan, verrai ricordato come il più grande giocatore della storia del basket. Però Bron, se siamo pari a 21 secondi dalla fine, fai solo una cosa:passamela”

ore 19:59 Lebron si reca al tavolo di centrocampo per prendere il borotalco e fare il suo solito Chalk Toss. Questa volta anche Mario Chalmers vuole farlo, solamente che lancia per aria un etto di bamba. Molto contenti gli spettatori della prima fila, soprattutto un ragazzotto italiano vestito da pagliaccio con la felpa FIAT e i capelli color ruggine, noto tifoso Lakers.

ore 22:45 Mancano 22 secondi alla fine dell’incontro. Miami 92, Dallas 92. Spoelstra chiama time out e ordina di consegnare palla a Wade e giocare 4 bassi. “Tu Lebron stai lontano dalla palla. Anzi, per non rischiare, stai in difesa”.
Wade gioca uno contro uno ma la sua conclusione finisce sul ferro. 4 secondi dalla fine, time out Dallas.
Si rientra in campo, Kidd fa la rimessa e passa a Dirk in post alto marcato da Bosh. Bosh lo manda a destra. Dirk va dentro, canestro e fallo sul suono della sirena. Partita finita.

ore 23:15 nello spogliatoio di Miami il clima è teso. Lebron con voce rotta si rivolge a Wade “Dwayne, chi è il più forte giocatore del pianeta, dimmelo, ti prego” “Kobe”. Lebron a pezzi abbandona il palazzetto. Nel parcheggio adiacente ecco arrivare Delonte West. “Lebry sù col morale, è solo una partita di regular season. Nella vita sono ben altre le cose che contano. Sei ricco, famoso, sei in salute e hai una mamma che ti vuole un bene dell’anima. A proposito, dille che tra un’oretta passo da lei. Devo dare una ripassatina alla tecnica di sfondamento durante la penetrazione”.

ore 00:30 Lebron è in depressione totale. E’ da solo nel suo letto e non riesce a prendere sonno. Allora decide di mettere su il dvd con tutte le giocate vincenti di “the chosen one”.

ore 00:55 Non trova il dvd.

ore 01:35 Innervosito chiama il suo maggiordomo Norris Cole “Norris dove cazzo è il dvd con le mie giocate vincenti che non lo trovo porca troia schifosa??? Domani ti faccio pulire i water con la lingua, nano schifoso”
“Calma Bron…. Posso spiegarti… Non lo hanno mai fatto quel dvd.. Era uno scherzo di Stern……”

    Online chughino

    • Edinson Cavani
    • ****
    • Post: 11629
    • Karma: 45
    • Sesso: Maschio
    • Squadra del cuore:
    « Risposta #556 il: Marzo 27, 2012, 10:28:26 am »
    La giornata tipo di Lebron James
    Spoiler
    ore 8:30 Il Prescelto si sveglia

    ore 9:15 squilla il cellulare. E’ il proprietario di una delle più grandi gioiellerie della Florida “Ciao Kobe, volevo chiederti se puoi farmi da testimonial per il lancio della mia nuova linea di anelli, mi ha dato il tuo numero David Stern”….. tu-tu-tu-tu-tu-tu…

    ore 9:17 Lebron telefona a Stern “Spero che i Lakers trasferiscano la franchigia a Caltanissetta”.

    ore 9:30 Arriva Norris Cole, oggi gli toccano il salotto e il bagno: è il maggiordomo di Lebron.

    ore 10:00 Norris prepara la colazione e gliela serve a letto. Nel frattempo gli prepara un bel bagno caldo con aromi esotici come piacciono a Lebron.

    ore 11:30 Seduta di tiro in vista della partita di stasera: Miami-Dallas, il remake dell’ultima finale. Ogni giocatore si allena sulle cose che sa fare meglio. Joel Anthony apre le noci di cocco con le mani, Chris Bosh ripassa le equazioni di secondo grado, Mike Miller si infortunia a tutti e due i lobi delle orecchie, Juan Howard sciacqua il catetere, Lebron simula il possesso decisivo giocando a nascondino, Wade spacca il naso al magazziniere.

    ore 13:00 Spoelstra ordina il rompete le righe e come ogni giorno all’ora di pranzo chiama tutti i suoi parenti. 21 interurbane in 21 paesi diversi.

    ore 13:30 Sotto la doccia si scherza. Wade getta la saponetta, Juan Howard si piegha per raccoglierla ma viene colto dal colpo della strega e rimane bloccato, allora si piega James Jones ma da dietro Lebron lo placca con veemenza. Ecco allora che Lebron dopo aver ammiccato a Dwayne si china dolcemente per raccogliere la saponetta. Quello che succede dopo non ve lo racconto. Però vi do un piccolo aiuto: immaginate Cecchi Paone a casa di Roberto Bolle, tutti e due imbottiti di viagra, con Elton John come sottofondo.

    ore 15:00 Lebron deve decidere se pranzare al Burger King o da Mc Donald’s. Convoca la CNN, la BBC, ESPN, FOX, SKY, STREAM, TELE+, IL TIMES, LE FIGARO, LE NAZIONI UNITE, perchè a reti unificate comunicherà la sua scelta.
    Alla fine decide per Mc Donald’s.
    Entra, il locale è vuoto ci sono solo lui e un ragazzino di 8 anni. Una sola cassa aperta. Lebron guarda il ragazzino con aria di sfida e lo brucia in partenza per ordinare per primo. Il ragazzino al fotofinish si gioca l’asso nella manica “Hey Lebron, ho appena visto passare la macchina di Delonte, andava verso casa di tua madre”. Il ragazzino può quindi ordinare tranquillamente in perfetta solitudine.

    ore 16:00 Lebron è a casa a rilassarsi prima del match. Si stende nel lettone a guardarsi il suo film preferito “Il signore degli anelli”

    ore 17:30 La mamma lo sveglia ricordandogli che si deve alzare per andare alla partita “Ciao Lebbry, cucciolone di mamma, stai bene? Dai forza alzati dal lettone e corri corri corri a vincere un’altra partita! Io purtroppo questa sera non riuscirò a venire a palazzo perchè mi è giunto orora un fastidiosissimo mal di testa”
    “Mamy, mi dispiace tantissimo. Vuoi che passi dalla farmacia a prenderti qualcosa? Vuoi che mandi qualcuno a farti compagnia?”
    “Lebbry che tenero che sei, non ti preoccupare, mi verrà a fare compagnia Tiger Woods. E’ un ragazzo tanto caro e affidabile”
    “Ok Mamy, batterò quel tedesco infame solo per te”

    ore 18:15 negli spogliatoi si fa video pre-partita. Spoelstra nello spiegare alcuni movimenti d’attacco mostra come Dirk quando riceve in post-alto è molto pericoloso perchè se gli si sta a un metro tira e fa canestro, se gli si sta attaccati batte l’uomo e va ad appoggiare. Interviene Chris Bosh, “Coach non preoccuparti, lo mando a destra, è mancino e a destra farà una gran fatica”. Nel frattempo Juan Howard è col fisioterapista che lo fascia e gli spalma balsamo di tigre come fosse la nutella per Galeazzi. Mike Miller si tiene la testa fra le mani in fase di intensa concentrazione ma sfortunatamente si lesiona il tendine del polso sinistro. Obiettivo dell’incontro chiudere la partita nel terzo quarto, perchè se si arriva pari negli ultimi minuti, parola di Spoelstra, “sono cazzi amari”.

    ore 19:30 manca mezz’ora alla partita. Durante la fase di riscaldamento Wade e Lebron prendono in giro Nowitzki faccendogli il baffetto alla Hitler

    ore 19:55 Presentazione delle squadre. Lebron sussurra all’orecchio di Wade “Dwayne chi è il più forte? Dimmi chi è il più forte” “Sei tu Lebron, sei solo tu, il più grande, il numero uno in assoluto” “Dimmelo ancora Dwayne chi è il più forte?” “Sei tu Lebron, sei meglio di Jordan, verrai ricordato come il più grande giocatore della storia del basket. Però Bron, se siamo pari a 21 secondi dalla fine, fai solo una cosa:passamela”

    ore 19:59 Lebron si reca al tavolo di centrocampo per prendere il borotalco e fare il suo solito Chalk Toss. Questa volta anche Mario Chalmers vuole farlo, solamente che lancia per aria un etto di bamba. Molto contenti gli spettatori della prima fila, soprattutto un ragazzotto italiano vestito da pagliaccio con la felpa FIAT e i capelli color ruggine, noto tifoso Lakers.

    ore 22:45 Mancano 22 secondi alla fine dell’incontro. Miami 92, Dallas 92. Spoelstra chiama time out e ordina di consegnare palla a Wade e giocare 4 bassi. “Tu Lebron stai lontano dalla palla. Anzi, per non rischiare, stai in difesa”.
    Wade gioca uno contro uno ma la sua conclusione finisce sul ferro. 4 secondi dalla fine, time out Dallas.
    Si rientra in campo, Kidd fa la rimessa e passa a Dirk in post alto marcato da Bosh. Bosh lo manda a destra. Dirk va dentro, canestro e fallo sul suono della sirena. Partita finita.

    ore 23:15 nello spogliatoio di Miami il clima è teso. Lebron con voce rotta si rivolge a Wade “Dwayne, chi è il più forte giocatore del pianeta, dimmelo, ti prego” “Kobe”. Lebron a pezzi abbandona il palazzetto. Nel parcheggio adiacente ecco arrivare Delonte West. “Lebry sù col morale, è solo una partita di regular season. Nella vita sono ben altre le cose che contano. Sei ricco, famoso, sei in salute e hai una mamma che ti vuole un bene dell’anima. A proposito, dille che tra un’oretta passo da lei. Devo dare una ripassatina alla tecnica di sfondamento durante la penetrazione”.

    ore 00:30 Lebron è in depressione totale. E’ da solo nel suo letto e non riesce a prendere sonno. Allora decide di mettere su il dvd con tutte le giocate vincenti di “the chosen one”.

    ore 00:55 Non trova il dvd.

    ore 01:35 Innervosito chiama il suo maggiordomo Norris Cole “Norris dove cazzo è il dvd con le mie giocate vincenti che non lo trovo porca troia schifosa??? Domani ti faccio pulire i water con la lingua, nano schifoso”
    “Calma Bron…. Posso spiegarti… Non lo hanno mai fatto quel dvd.. Era uno scherzo di Stern……”
    Tutto molto bello e Reale  :rofl: :rofl: :rofl: :rofl: :rofl: :rofl: :rofl: (scherzo spassosissimo)
    Ma ti ricordo che Spolstra arriva sempre con in mano le casstte (lui ama i VHS) dei Bulls di MJ con su scritto LBJ tu si il "prescelto" ma lui è DIO

      Offline Sonny Boy

      • Omar Sivori
      • *****
      • Post: 14221
      • Karma: 285
      • Squadra del cuore:
      « Risposta #557 il: Marzo 27, 2012, 18:50:23 pm »
      Immaginate qualcosa del genere in italia


        Offline Rafaniello

        • Antônio Careca
        • *****
        • Post: 20485
        • Karma: 1028
        • Raphanus sativus
        • Squadra del cuore:
        « Risposta #558 il: Marzo 28, 2012, 01:26:41 am »

          Offline Sonny Boy

          • Omar Sivori
          • *****
          • Post: 14221
          • Karma: 285
          • Squadra del cuore:
          « Risposta #559 il: Marzo 28, 2012, 09:20:18 am »

          :ahha:
          guarda questa black mamba vs white mamba

            Online chughino

            • Edinson Cavani
            • ****
            • Post: 11629
            • Karma: 45
            • Sesso: Maschio
            • Squadra del cuore:
            « Risposta #560 il: Marzo 28, 2012, 09:22:42 am »
            Immaginate qualcosa del genere in italia

            Si ad ogni  gol di Lucarelli!

              Offline Sonny Boy

              • Omar Sivori
              • *****
              • Post: 14221
              • Karma: 285
              • Squadra del cuore:
              « Risposta #561 il: Marzo 28, 2012, 09:24:00 am »
              Brandon Knight ad un certo punto della partita di ieri aveva sete, aveva bisogno di un po' di energia. Ed ha così deciso di unire l'utile al dilettevole..salva una palla volando dentro il mega secchio dei Gatorade


                Offline Sonny Boy

                • Omar Sivori
                • *****
                • Post: 14221
                • Karma: 285
                • Squadra del cuore:
                « Risposta #562 il: Marzo 31, 2012, 08:53:42 am »
                Shaq presenta i cinque momenti più divertenti della settimana NBA con prodezze di Cousins, Davis, Perkins, l'uomo mascherato che da una musata al canestro incredibile e....JAVALE MCGEE nell'ultima sua partita con Washington. Un inedito super!! Buon divertimento

                !

                  Offline Sonny Boy

                  • Omar Sivori
                  • *****
                  • Post: 14221
                  • Karma: 285
                  • Squadra del cuore:
                  « Risposta #563 il: Aprile 01, 2012, 10:17:25 am »
                  Signori e signori, Kobe Bryant.Dopo aver totalizzato 0/15 dal campo nei primi 3 quarti realizza il suo primo canestro a 7’31’’ dalla ultima sirena e decide il match con questa tripla

                    Offline Sonny Boy

                    • Omar Sivori
                    • *****
                    • Post: 14221
                    • Karma: 285
                    • Squadra del cuore:
                    « Risposta #564 il: Aprile 02, 2012, 09:15:55 am »
                    @el galactico

                    Stagione finita per Jeremy Lin. Si è interrotta a mezz'aria la parabola di questo prodotto di Harward (università dal grande blasone accademico ma di scarse tradizioni cestistiche) che era riuscito a conquistare la tifoseria dei New York Knicks, e di tutto il pubblico appassionato di basket, inanellando prestazioni sorprendenti a doppia cifra partendo dalla panchina. Il play di origini asiatiche, ma nato a Palo Alto e cresciuto in California, dovrà subire un intervento chirurgico al ginocchio e starà fuori per almeno sei settimane, mettendo probabilmente la parola fine alla sua straordinaria stagione.
                    IL COMUNICATO - In un comunicato, la franchigia newyorkese informa che gli esami a cui è stato sottoposto il giocatore hanno rivelato una lesione al menisco. Con la regular season che termina il 26 aprile, il playmaker di origini cinesi che ha entusiasmato l'America è probabilmente fuori per il resto della stagione, indipendentemente dal fatto che i Knicks faranno o meno i playoff. Lin la prende con filosofia e dichiara: «Se mi fossi infortunato ad inizio stagione chissà dove sarei ora. Forse senza lavoro e probabilmente a lottare per un posto in Summer League».

                      Online #amanteroschifo

                      • Diego Armando Maradona
                      • *****
                      • Post: 67002
                      • Karma: 511
                      • Squadra del cuore:
                      « Risposta #565 il: Aprile 02, 2012, 14:33:15 pm »
                      :piango1:

                        Offline Sonny Boy

                        • Omar Sivori
                        • *****
                        • Post: 14221
                        • Karma: 285
                        • Squadra del cuore:
                        « Risposta #566 il: Aprile 02, 2012, 14:34:49 pm »
                        Si narra che dopo questo poster Omer Asik abbia chiesto di tornare in Turchia. Con questa giocata, e questo salto, Russell Westbrook è alla numero 1 della notte. Bisognerebbe trovare un aggettivo per il salto e la schiacciata che ha fatto: mostruoso?


                          Offline 'Lucas

                          • Degustatore di ananassi
                          • Edinson Cavani
                          • ****
                          • Post: 10738
                          • Karma: 129
                          • Squadra del cuore:
                          « Risposta #567 il: Aprile 02, 2012, 14:56:42 pm »
                          "Carteresca"

                            Offline 'Lucas

                            • Degustatore di ananassi
                            • Edinson Cavani
                            • ****
                            • Post: 10738
                            • Karma: 129
                            • Squadra del cuore:
                            « Risposta #568 il: Aprile 02, 2012, 14:59:24 pm »
                            Comunque Dragic sta diventando nu Dio 'e PG e diventa pure FA a luglio

                              Offline Sonny Boy

                              • Omar Sivori
                              • *****
                              • Post: 14221
                              • Karma: 285
                              • Squadra del cuore:
                              « Risposta #569 il: Aprile 02, 2012, 15:04:08 pm »
                              Comunque Dragic sta diventando nu Dio 'e PG e diventa pure FA a luglio
                              Quando Goran Dragic giocava ai Phoenix Suns un certo Steve Nash amava ripetergli:

                              “Hey kid, just play your game. Don’t be upset (Ragazzo, fai la tua partita. Non preoccuparti).“

                              E c’è da scommettere che il nostro Goran (nativo di Lubjana classe 1986) continuerà a ripeterselo anche ora che non gioca più a Phoenix, sotto l’ala protettrice (ed educatrice) del playmaker per eccellenza, Steve Nash.
                              L’esperienza in Arizona per Dragic inizia nel 2008 scelto con la 45esima chiamata dai San Antonio Spurs, sempre attenti al mercato Europeo, i quali però lo rigirano subito a Phoenix in cambio di Malik Hairston ed i diritti di una futura scelta al secondo giro (rivelatosi poi DeJuan Blair).

                              Lo sloveno ha continuato a fare il suo gioco anche dopo la trade a sorpresa dell’anno passato che lo portò alla corte degli Houston Rockets in cambio di Aaron Brooks e di una prima scelta al draft (Nikola Mirotic).
                              Benchè privato del suo mentore Dragic ha comunque lavorato su se stesso divenendo prima ricambio di Lowry (con il placet di McHale che sin dal suo arrivo ai Rockets ha dato fiducia allo sloveno) e poi playmaker titolare a causa dell’infezione batterica che ha colpito lo stesso Lowry e lo sta tenendo ai box.
                              E come capita in tante storie di giocatori NBA, Dragic ha espresso sul parquet le sue migliori doti: punti e assist unite al profilo sempre basso.

                              Ma guai a pensare che lo sloveno non abbia anche personalità ed idee chiare per il suo futuro:

                              “Tutti si aspettavano che facessi lo stesso gioco di Nash, ma io sono diverso. I giornalisti a Phoenix si aspettavano da me lo stesso lavoro di una Star come Nash ma io non ho il suo stesso gioco. Non sono un suo clone.”

                              E riguardo la fiducia ricevuta da Alvin Gentry durante la sua permanenza ai Suns dice:

                              “Alvin mi ha dato un’opportunita, io mi sono rilassato e ho iniziato a giocare il mio basket. E quando fai una buona gara ti rendi conto che puoi giocare a questo livello. Questo ti apre le porte.”

                              Ma la vera fiducia è arrivata ai Rockets, e la sua maturazione si sta completando. Nelle 12 partite giocate in quintetto Dragic viaggia alla media di 16.4 punti conditi da 9.5 assist, 3.7 rimbalzi e 1.8 recuperi in quasi 37 minuti d’impiego e perla di questi ultimi otto match è senz’altro la gara del 20 marzo dove Dragic ha guidato Houston fatturando 16 punti, 13 assist oltre alla tripla decisiva che ha affossato i Los Angeles Lakers.
                              Senza dubbio questo ragazzo dimostra ancora una volta come la “scuola europea” sappia ancora produrre giocatori in grado di mettere in ordine i pezzi del complesso puzzle di una squadra NBA.

                              fonte basketcaffe

                                 

                                SimplePortal 2.3.7 © 2008-2019, SimplePortal