Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Topic: La pizza è una cosa seria  (Letto 27909 volte)

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.


Online pokkio

  • Degustatore di ananassi
  • Giuseppe Bruscolotti
  • ****
  • Post: 15940
  • Karma: 52
  • Squadra del cuore:
« Risposta #840 il: Aprile 28, 2019, 20:13:45 pm »
Com
Ma tra la minchiata della pizza col pesto e la marinara ci sono delle vie di mezzo, una bella sasicc e friarielli, ripieno, che cazzo dici?  :asd: sono pizze irrinunciabili
Sono d'accordo
L'obiettività e la coerenza dei sarraioli  :look:
La vittoria col Liverpool non vale perchè è "una vittoria al 90mo col Liverpool in debito di ossigeno".

Il pareggio col PSG invece è un pareggio e basta. Non un "pareggio al 90mo, con i nostri in debito di ossigeno" che pigliano goal su tiraggiro di Di Maria da 25 metri.
La vittoria a Torino, un goal su calcio d'angolo al 90mo, viene raccontata come il monumento del Sarrismo, qualcosa come la bomba atomica su Hiroshima o quel Napoli-Juventus 5-1 del 1990.

    Online DanceOfDeath

    • Degustatore di ananassi
    • Edinson Cavani
    • ****
    • Post: 11266
    • Karma: 153
    • Sesso: Maschio
    • Squadra del cuore:
    « Risposta #841 il: Aprile 29, 2019, 10:28:29 am »
    Ma tra la minchiata della pizza col pesto e la marinara ci sono delle vie di mezzo, una bella sasicc e friarielli, ripieno, che cazzo dici?  :asd: sono pizze irrinunciabili
    Ma infatti le pizze classiche sono 4:  margherita, marinara, calzone e salsiccia e friarielli, il resto non merita alcuna considerazione :look: Anche se devo ammettere di non aver mai mangiato una marinara in vita mia :look:

    Fratelli La Bufala  a Rimini  è  accettabile soprattutto per i panuozzi venduti al banco.
    Per la vera pizza napoletana se si aderisce al consorzio  "Verace pizza napoletana " , dovrebbe optare per forno a legna o gas (in virtù della vecchia normativa), ma di solito  c'è molta  libertà da parte del consorzio  su queste adozioni tecniche (Immagino  per puro business), quindi vengono accettati anche forni elettrici purché non restituiscano dischi volati fatti di cartone
    Ti dirò che alla fine non viene male nel senso che comunque pur essendo cotta nel forno elettrico non viene croccante ma abbastanza soffice. Manca però proprio il sapore che da la.cottura a legna :sisi:

      Online Aries

      • Degustatore di ananassi
      • Gianfranco Zola
      • **
      • Post: 1916
      • Karma: 18
      • Sesso: Maschio
      • Squadra del cuore:
      « Risposta #842 il: Aprile 29, 2019, 15:08:32 pm »
      Ma infatti le pizze classiche sono 4:  margherita, marinara, calzone e salsiccia e friarielli, il resto non merita alcuna considerazione :look: Anche se devo ammettere di non aver mai mangiato una marinara in vita mia :look:
      Ti dirò che alla fine non viene male nel senso che comunque pur essendo cotta nel forno elettrico non viene croccante ma abbastanza soffice. Manca però proprio il sapore che da la.cottura a legna :sisi:

      Ja la 4 stagioni, la capricciosa e la diavola pure sono "storiche"
       

        Online DEBUNKER PANDA

        • Degustatore di ananassi
        • Hasse Jeppson
        • ***
        • Post: 8662
        • Karma: 44
        • Squadra del cuore:
        « Risposta #843 il: Aprile 29, 2019, 15:10:27 pm »
        Cento anni e non li dimostrano: sono le Centenarie,  pizzerie storiche che insieme   contano più di 1200 anni e si tramandano di padre in figlio all'interno di dieci famiglie che si sono unite per dare vita all'Unione pizzerie storiche napoletane.t

        Eccole, le centenarie, nomi che i napoletani conoscono e i turisti stanno  cominciando a imparare: Antica Pizzeria Port’Alba, Capasso a Porta San Gennaro, Lombardi 1892 a Foria, L’Antica Pizzeria da Michele 1870, Pizzeria Mattozzi a Piazza Carità, Starita a Materdei, Pizzeria Ciro a Santa Brigida, Pizzeria Umberto, Pizzeria Gorizia 1916, Antica Pizzeria Ciro dal 1923 a Formia e Gaeta (uniche fuori regione). Obiettivo  dell'associazione nata di recente: tutelare la tradizione della pizza organizzando eventi,  lanciando ibri, racconti e tutto quello che può essere utile a che  salvaguardare e diffondere la tradizione della pizza.

        Ed ecco le ricette delle specialità offerte da ogni locale.
         
        Pizzeria Gorizia 1916. Ripieno Gorizia (provola affumicata, melanzane a funghetto bianche, pecorino, olio extravergine).
         
        L’antica Pizzeria da Michele 1870. Marinara (pomodoro, aglio, origano e olio).
         
        Pizzeria Lombardi 1892 a Foria. Pizza Ferdinando (pomodorino del piennolo, mozzarella di bufala campana dop, parmigiano reggiano, basilico con fiocchetto di ricotta bufalina centrale).
         
        Pizzeria Starita a Materdei. Montanara fritta e infornata (Pizza fritta con sopra pomodoro, fiordilatte, basilico e formaggio).

        Pizzeria Umberto.   ‘A scarpariello (pomodoro, aglio, olio extravergine di oliva, pecorino romano e pepe).
         
        Antica  Pizzeria Port’Alba.  Pizza alla Luciano (cecinielli, vongole veraci, olio extravergine di oliva).
         
        Antica Pizzeria Ciro dal 1923. Otto gusti (pizza divisa in otto spicchi con rispettivamente: margherita, con funghi, con peperoni, con melanzane a funghetto, con salame napoletano, con prosciutto, con olive e acciughe e, a seconda della stagionalità, con carciofini o zucchine).

        Pizzeria Capasso a Porta San Gennaro.  Pizza fritta (ripiena con ricotta, salame, fiordilatte e pepe).

        Pizzeria Mattozzi a Piazza Carità. Margherita a “bocca e furno” (pomodoro, fiordilatte, basilico, olio extravergine di oliva cotta a bocca di forno).

        Pizzeria Ciro a Santa Brigida. Capricciosa (margherita con funghi, carciofini, olive e prosciutto cotto).
         

          Online chughino

          • Edinson Cavani
          • ****
          • Post: 10351
          • Karma: 39
          • Sesso: Maschio
          • Squadra del cuore:
          « Risposta #844 il: Aprile 29, 2019, 15:47:28 pm »
          Cento anni e non li dimostrano: sono le Centenarie,  pizzerie storiche che insieme   contano più di 1200 anni e si tramandano di padre in figlio all'interno di dieci famiglie che si sono unite per dare vita all'Unione pizzerie storiche napoletane.t

          Eccole, le centenarie, nomi che i napoletani conoscono e i turisti stanno  cominciando a imparare: Antica Pizzeria Port’Alba, Capasso a Porta San Gennaro, Lombardi 1892 a Foria, L’Antica Pizzeria da Michele 1870, Pizzeria Mattozzi a Piazza Carità, Starita a Materdei, Pizzeria Ciro a Santa Brigida, Pizzeria Umberto, Pizzeria Gorizia 1916, Antica Pizzeria Ciro dal 1923 a Formia e Gaeta (uniche fuori regione). Obiettivo  dell'associazione nata di recente: tutelare la tradizione della pizza organizzando eventi,  lanciando ibri, racconti e tutto quello che può essere utile a che  salvaguardare e diffondere la tradizione della pizza.

          Ed ecco le ricette delle specialità offerte da ogni locale.
           
          Pizzeria Gorizia 1916. Ripieno Gorizia (provola affumicata, melanzane a funghetto bianche, pecorino, olio extravergine).
           
          L’antica Pizzeria da Michele 1870. Marinara (pomodoro, aglio, origano e olio).
           
          Pizzeria Lombardi 1892 a Foria. Pizza Ferdinando (pomodorino del piennolo, mozzarella di bufala campana dop, parmigiano reggiano, basilico con fiocchetto di ricotta bufalina centrale).
           
          Pizzeria Starita a Materdei. Montanara fritta e infornata (Pizza fritta con sopra pomodoro, fiordilatte, basilico e formaggio).

          Pizzeria Umberto.   ‘A scarpariello (pomodoro, aglio, olio extravergine di oliva, pecorino romano e pepe).
           
          Antica  Pizzeria Port’Alba.  Pizza alla Luciano (cecinielli, vongole veraci, olio extravergine di oliva).
           
          Antica Pizzeria Ciro dal 1923. Otto gusti (pizza divisa in otto spicchi con rispettivamente: margherita, con funghi, con peperoni, con melanzane a funghetto, con salame napoletano, con prosciutto, con olive e acciughe e, a seconda della stagionalità, con carciofini o zucchine).

          Pizzeria Capasso a Porta San Gennaro.  Pizza fritta (ripiena con ricotta, salame, fiordilatte e pepe).

          Pizzeria Mattozzi a Piazza Carità. Margherita a “bocca e furno” (pomodoro, fiordilatte, basilico, olio extravergine di oliva cotta a bocca di forno).



          Pizzeria Ciro a Santa Brigida. Capricciosa (margherita con funghi, carciofini, olive e prosciutto cotto).

          In realtà c'è ne sarebbero  altre come Carmeniello al corso secondigliano o la centenaria a Materdei.

            Online DEBUNKER PANDA

            • Degustatore di ananassi
            • Hasse Jeppson
            • ***
            • Post: 8662
            • Karma: 44
            • Squadra del cuore:
            « Risposta #845 il: Aprile 29, 2019, 15:49:42 pm »
            In realtà c'è ne sarebbero  altre come Carmeniello al corso secondigliano o la centenaria a Materdei.
            Però parla di pizze, non di solo pizzerie. Oggi hanno ogni pizzeria più o meno le stesse pizze ma una volta io ricordo per esempio per mangiare una pizza con la mortadella o altro di particolare dovevi andare solo da starita etc etc

              Online chughino

              • Edinson Cavani
              • ****
              • Post: 10351
              • Karma: 39
              • Sesso: Maschio
              • Squadra del cuore:
              « Risposta #846 il: Aprile 29, 2019, 17:15:00 pm »
              Però parla di pizze, non di solo pizzerie. Oggi hanno ogni pizzeria più o meno le stesse pizze ma una volta io ricordo per esempio per mangiare una pizza con la mortadella o altro di particolare dovevi andare solo da starita etc etc

              Ah si quello senz'altro, poi si fino a metà anni 90 era davvero difficile trovare un menù di oltre 6 pizze

                Online LAGRANGIA

                • Degustatore di ananassi
                • Giuseppe Bruscolotti
                • ****
                • Post: 15842
                • Karma: 163
                • Squadra del cuore:
                « Risposta #847 il: Aprile 29, 2019, 17:38:30 pm »
                Ma infatti le pizze classiche sono 4:  margherita, marinara, calzone e salsiccia e friarielli, il resto non merita alcuna considerazione :look: Anche se devo ammettere di non aver mai mangiato una marinara in vita mia :look:
                Ti dirò che alla fine non viene male nel senso che comunque pur essendo cotta nel forno elettrico non viene croccante ma abbastanza soffice. Manca però proprio il sapore che da la.cottura a legna :sisi:
                Sul fatto che la salsiccia e friarielli sia "classica" ho i miei dubbi, addirittura pure la cosiddetta bufalina.

                Direi che esistono tre stratificazioni storiografiche

                Tradizione classica
                Margherita e Marinara
                «Le pizze più ordinarie, dette coll'aglio e l'oglio, han per condimento l'olio, e sopra vi si sparge, oltre il sale, l'origano e spicchi d'aglio trinciati minutamente. Altre sono coperte di formaggio grattugiato e condite collo strutto, e allora vi si pone disopra qualche foglia di basilico. Alle prime spesso si aggiunge del pesce minuto; alle seconde delle sottili fette di mozzarella. Talora si fa uso di prosciutto affettato, di pomidoro, di arselle, ec. Talora ripiegando la pasta su se stessa se ne forma quel che chiamasi calzone.»

                (Francesco de Bourcard, Usi e costumi di Napoli, Vol. II, pag. 124)

                Tradizionale moderna
                Menù da tardo dopoguerra fino ad anni 2000 comprendente quattro stagioni, capricciosa, calzone forno, pizza fritta, etc.

                Contemporanea
                Spazio alla fantasia, si gode sempre, di recente ho provato quella di Martucci con varie consistenze di formaggi, esageratamente buona.

                  Online chughino

                  • Edinson Cavani
                  • ****
                  • Post: 10351
                  • Karma: 39
                  • Sesso: Maschio
                  • Squadra del cuore:
                  « Risposta #848 il: Aprile 29, 2019, 21:03:29 pm »
                  Sul fatto che la salsiccia e friarielli sia "classica" ho i miei dubbi, addirittura pure la cosiddetta bufalina.

                  Direi che esistono tre stratificazioni storiografiche

                  Tradizione classica
                  Margherita e Marinara
                  «Le pizze più ordinarie, dette coll'aglio e l'oglio, han per condimento l'olio, e sopra vi si sparge, oltre il sale, l'origano e spicchi d'aglio trinciati minutamente. Altre sono coperte di formaggio grattugiato e condite collo strutto, e allora vi si pone disopra qualche foglia di basilico. Alle prime spesso si aggiunge del pesce minuto; alle seconde delle sottili fette di mozzarella. Talora si fa uso di prosciutto affettato, di pomidoro, di arselle, ec. Talora ripiegando la pasta su se stessa se ne forma quel che chiamasi calzone.»

                  (Francesco de Bourcard, Usi e costumi di Napoli, Vol. II, pag. 124)

                  Tradizionale moderna
                  Menù da tardo dopoguerra fino ad anni 2000 comprendente quattro stagioni, capricciosa, calzone forno, pizza fritta, etc.

                  Contemporanea
                  Spazio alla fantasia, si gode sempre, di recente ho provato quella di Martucci con varie consistenze di formaggi, esageratamente buona.

                  La pizza fritta  però  è  tutt'altro che  moderna visto che ne parla Ippolito Cavalcanti nel 1830.
                  Per quello che concerne salsiccia e friarielli probabilmente parliamo di una storia non più antica di 60 anni.
                  Comunque l' uso di mettere salumi sulla pizza e molto antico.
                  Molto più di quanto Michele Condurro voglia far pensare.
                  Cosiderato che la prima pizza napoletana era bianca  in quanto il pomodoro inizia ad avere applicazioni nella cucina napoletana alla fine del 700.
                  La prima pizza effettiva era venduta nei forni ed era la pizza con i ciccinelli poi ci fu' quella fritta venduta  nei bassi.
                  La marinara fu una variante della cicinelli con pomodoro e aglio, la Margherita era più  costosa per la presenza della mozzarella  (di bufala , quindi la bufalina è  antica o dei monti lattari).

                    Online LAGRANGIA

                    • Degustatore di ananassi
                    • Giuseppe Bruscolotti
                    • ****
                    • Post: 15842
                    • Karma: 163
                    • Squadra del cuore:
                    « Risposta #849 il: Aprile 29, 2019, 21:17:42 pm »
                    La pizza fritta  però  è  tutt'altro che  moderna visto che ne parla Ippolito Cavalcanti nel 1830.
                    Per quello che concerne salsiccia e friarielli probabilmente parliamo di una storia non più antica di 60 anni.
                    Comunque l' uso di mettere salumi sulla pizza e molto antico.
                    Molto più di quanto Michele Condurro voglia far pensare.
                    Cosiderato che la prima pizza napoletana era bianca  in quanto il pomodoro inizia ad avere applicazioni nella cucina napoletana alla fine del 700.
                    La prima pizza effettiva era venduta nei forni ed era la pizza con i ciccinelli poi ci fu' quella fritta venduta  nei bassi.
                    La marinara fu una variante della cicinelli con pomodoro e aglio, la Margherita era più  costosa per la presenza della mozzarella  (di bufala , quindi la bufalina è  antica o dei monti lattari).
                    La cosa bella è che noi napoletani viviamo con serenità discussioni su ricette complicatissime mentre quelle merde dei romani si scannano per quattro stronzate di primi piatti in cui ruotano quattro ingredienti cacio, guanciale, pomodoro, uovo.
                    A tavola siamo al top c'è poco da fare.

                      Online chughino

                      • Edinson Cavani
                      • ****
                      • Post: 10351
                      • Karma: 39
                      • Sesso: Maschio
                      • Squadra del cuore:
                      « Risposta #850 il: Aprile 29, 2019, 21:55:34 pm »
                      La cosa bella è che noi napoletani viviamo con serenità discussioni su ricette complicatissime mentre quelle merde dei romani si scannano per quattro stronzate di primi piatti in cui ruotano quattro ingredienti cacio, guanciale, pomodoro, uovo.
                      A tavola siamo al top c'è poco da fare.

                      Per la gioia tua e di Panda alleggo due semplici ricette da cucina teorico paratica di Ippolito Cavalcanti anno 1830
                      Parliamo  di ricette semplici una zuppa e un timballo.
                      Ed è  abbastanza elaborato, figurati piatti ancora più complessi.
                      La cucina napoletana ha subito in toto l' influenza franco-spagnola per quello che concerne  il suo essere "barocca" e ricca di procedimenti ingredienti e ritualità.
                      Sinceramente solo in Emilia si può riscontrare  una varietà di cottura,ingredienti e  complessità simile.

                        Online chughino

                        • Edinson Cavani
                        • ****
                        • Post: 10351
                        • Karma: 39
                        • Sesso: Maschio
                        • Squadra del cuore:
                        « Risposta #851 il: Aprile 29, 2019, 21:58:56 pm »
                        Tra l' altro metà dei piatti romani sono umbri o laziali  o ebrei come i carciofi alla giudea.
                        A Roma vanno d' abbacchio e pajata... non proprio le cose più complesse e raffinate che ci siano

                          Online LAGRANGIA

                          • Degustatore di ananassi
                          • Giuseppe Bruscolotti
                          • ****
                          • Post: 15842
                          • Karma: 163
                          • Squadra del cuore:
                          « Risposta #852 il: Aprile 29, 2019, 22:21:08 pm »
                          Tra l' altro metà dei piatti romani sono umbri o laziali  o ebrei come i carciofi alla giudea.
                          A Roma vanno d' abbacchio e pajata... non proprio le cose più complesse e raffinate che ci siano
                          E nonostante questa "ignoranza", si sentono dei padreterni

                            Offline adamOunas4ever

                            • Diego Armando Maradona
                            • *****
                            • Post: 36456
                            • Karma: -200
                            • Squadra del cuore:
                            « Risposta #853 il: Giugno 05, 2019, 22:12:38 pm »
                            400 gradi rapuano com'è?

                            Inviato dal mio Mi A2 Lite utilizzando Tapatalk

                            in ancelotti we trust

                            god bless alvino

                              Offline adamOunas4ever

                              • Diego Armando Maradona
                              • *****
                              • Post: 36456
                              • Karma: -200
                              • Squadra del cuore:
                              « Risposta #854 il: Giugno 06, 2019, 00:33:37 am »
                              ragazzi urgente look
                              in ancelotti we trust

                              god bless alvino

                                 

                                SimplePortal 2.3.7 © 2008-2019, SimplePortal