Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Topic: Termovalorizzatore e differenziata, presto incontro De Magistris-Caldoro  (Letto 3202 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.


Offline Nick Spaccimma

  • Degustatore di ananassi
  • Gianfranco Zola
  • **
  • Post: 1313
  • Karma: 34
  • Sesso: Maschio
  • Squadra del cuore:
« Risposta #15 il: Giugno 12, 2011, 11:07:27 am »
Credo che se qualcuno conoscesse,nei termini,ciò che accade ad Acerra non avrebbe dubbi nel dire no ai termovalorizzatori(che idiosincrasia!).Credo che la strada sia quella di utilizzare gli impianti di compostaggio già attivi sul suolo della Fu Campania Felix e mettersi in moto per costruirne altri in modo da sfruttare a pieno questa strada che è tra l'altro l'unica veramente pulita,alla luce sopratutto del modo a dir poco approssimativo,con cui nella nostra regione,tranne alcune eccezioni,viene realizzato il riciclaggio dei rifiuti.
Se l'impianto di Acerra è stato costruito male ed è gestito peggio, non vuol dire che tutti gli inceneritori debbano essere gestiti allo stesso modo.
Gli impianti di compostaggio servono per il recupero dei rifiuti organici, trasformati in concime. Per carta, plastica, vetro, alluminio ed altri metalli c'è bisogno di impianti diversi. E anche di una raccolta diversa, perché ora come ora c'è una confusione terribile e nel bidone della plastica finisce di tutto.

Il problema è che le ecoballe sono tutte ancora a terra e nessuno sembra porsi il problema di come eliminarle.
Dice ca c'è rimasto sulo 'o mare

    Offline Sonny Boy

    • Omar Sivori
    • *****
    • Post: 14221
    • Karma: 285
    • Squadra del cuore:
    « Risposta #16 il: Giugno 12, 2011, 11:47:11 am »
    Infatti d'accordissimo sulla premessa,io mi riferivo ad un certo modello gestionale e operativo.In ogni caso gli inceneritori non sono la soluzione ma solo uno dei tanti passi da compiere.Cosa fondamentale,resta invece quella di attivare un corretto ciclo di vita dei rifiuti differenziati.

      Online weizenbier

      • Degustatore di ananassi
      • Giuseppe Bruscolotti
      • ****
      • Post: 16678
      • Karma: 263
      • Squadra del cuore:
      « Risposta #17 il: Giugno 12, 2011, 11:58:32 am »
      http://www.wwf.it/client/ricerca.aspx?root=26737&content=1

      Il 30% non sarebbe un successo, visto che più o meno stiamo già oggi al 20% per Napoli città ed entro l'Estate è già stato programmato da mesi l'avvio del Porta a Porta anche in altri quartieri. L'Asia prevedeva con queste estansioni di arrivare a fine anno ad un 25%. In pratica l'apporto di De Magistris sarebbe del 5%, quasi fisiologico.

      Sinceramente non avrei criticato Lettieri se avesse raggiunto il 50% di differenziata a fine anno e non criticherò De Magistris se riuscirà a raggiungere questo traguardo. Capisco che ha promesso il 70%, ma queste promesse ai miei occhi assumono la veste del cosiddetto dolus bonus nei casi di vizi della volontà nel diritto. Incollo una definizione per spiegare cosa intendo dire:

      Il Dolus Bonus "consiste in quella ordinaria esaltazione delle qualità di ciò che si vende corrispondente ai normali contenuti pubblicitari, in relazione ai quali chiunque presta una fede relativa. Il c.d. dolus bonus non rileverebbe dunque come vizio della volontà, traducendosi in una innocua furbizia che una persona di media avvedutezza sa riconoscere"

      Se Berlusconi mi dice un milione di posti di lavoro o meno tasse per tutti e servizi gratuiti è normale che non presterò fede a ciò che dice. Presto fede alla "traiettoria" che un politico decide di intraprendere e gli chiedo di render conto in base alla coerenza con quella traiettoria. Ora che sia il 70% o il 60% o il 50% mi sembrerebbe coerente con la promessa di un'accellerazione nella differenziata e ciò mi basterebbe, rimarrei estremamente deluso se dovessi scoprire che nel mese di novembre-dicembre la raccolta differenziata (naturalmente solo il dato mensile e non la media annuale che sarebbe poco significativa) dovesse stagnare intorno al 20%-25%.

      Sinceramente ad un 40% io ci credo, si può fare, il problema però non è di volontà, ma di risorse. Il porta a porta costa tantissimo e non è facile spostare tutte le risorse (umane e tecnologiche) da un sistema ad un altro.

      Giusto...
      Io infatti non pretendo che raggiunga il 70% perché so che è impossibile.
      Però se Berlusconi viene preso per il culo quando promette millemila posti di lavoro e nessuno si mette a parlare di Dolus Bonus... perché se De Magistris se ne viene con una balla clamorosa, tutti cercano di giustificarlo arrivando a dire ''ma sì dai... anche se raggiunge il 30% è un ottimo risultato''.. ??

      Quello che voglio dire è che c' è bisogno di obiettività... Un politico ti ha promesso il 70% di differenziata in 8 mesi?? Bene...

      Siccome non riuscirà a raggiungere il 70% di differenziata, ma al massimo raggiungerà un 50%... bisognerà riservare le stesse critiche o gli stessi elogi, sia che si chiami De Magistris, sia che si chiami Lettieri...
      E' quello che dico sempre ai miei amici ricchioncelli che fanno i cagnolini con le proprie dame, robb 'e scritte sui muri, fasci di rose e gioielli.
      'E femmene cchiù 'ro pesce nun s'ammeretene.

         

        SimplePortal 2.3.7 © 2008-2022, SimplePortal