Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Topic: Bici vs auto  (Letto 1121 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.


Online mtpgpp

  • Degustatore di ananassi
  • Attila Sallustro
  • ***
  • Post: 7105
  • Karma: 26
  • Squadra del cuore:
« Risposta #90 il: Ottobre 13, 2021, 13:25:20 pm »
Verissimo, problema enormemente sopravvalutato:

https://www.ilpost.it/2021/09/02/emergenza-monopattini/

Ricorda molto la polemica sulla smartworking che viene dai soliti giornali (in realtà quasi tutti).

Ma come sono morti i 3 in tram? gli è andato contro qualche auto a tutta velocità mi sa... che sfiga

    Online CEMTURIO983

    • Hasse Jeppson
    • ***
    • Post: 8775
    • Karma: 9
    • Sesso: Maschio
    • Squadra del cuore:
    « Risposta #91 il: Ottobre 13, 2021, 13:47:48 pm »
    esempio svizzero (diffuso ma non obbligatorio)

    https://www.helvetia.com/ch/web/it/clienti-privati/abitazione/diritto/assicurazione-rc.html

    In pratica copre i danni che puoi fare a cose o persone tu e i membri dalla tua famiglia (anche il cane che morde qualcuno ad esempio) , di solito ci sono esclusioni particolari da coprire a parte tipo alla guida di mezzi di sharing o di terzi (prendi l'auto di tuo cugino  l'ammacchi parcheggiando).

    In italia di solito le vendono assieme a quelle sulle case

    questo un caso italiano

    https://www.allianzdirect.it/family-care/assicurazione-casa/rc-famiglia/?gclid=EAIaIQobChMImbyhlYvH8wIVi7t3Ch25RQ2YEAAYAyAAEgIw7PD_BwE&gclsrc=aw.ds

    I tuoi cari sono il bene più importante. Difendili con l’RC Famiglia.

        checkmark

        Copre i danni che tu e la tua famiglia potete causare agli altri anche nel tempo libero
        checkmark

        O quando vi dedicate al bricolage o allo sport
        checkmark

        Copre infortuni e danni subiti da baby-sitter e da chi ti aiuta nei lavori di casa
        checkmark

        Protegge i tuoi ospiti, anche dai danni per furto o incendio
        checkmark

        Funziona anche se sei all’estero

    I problemi, si sa, arrivano sempre quando meno te lo aspetti. Ti distrai un attimo e il guaio è fatto. Per mettere al sicuro te, la o il tuo partner, i tuoi figli e gli altri familiari che vivono sotto il tuo stesso tetto c’è la Garanzia RC Famiglia.


    costano tra i 200 e i 300 auro l'anno circa a seconda di cosa vuoi coprire (lato casa puoi metterci inteventi di idraulico per rotture tubature ad esempio, furto scasso  ecc), un'assicurazione solo bici costerebbe un decimo probabilmente

    E pensa che queste sono tariffe per forza di cose generiche (mischiano molti rischi, anche molto diversi), quindi meno precise e piu forfettarie.
    Una copertura piu specifica costerebbe molto di meno.


      Online mtpgpp

      • Degustatore di ananassi
      • Attila Sallustro
      • ***
      • Post: 7105
      • Karma: 26
      • Squadra del cuore:
      « Risposta #92 il: Ottobre 13, 2021, 13:57:27 pm »
      E pensa che queste sono tariffe per forza di cose generiche (mischiano molti rischi, anche molto diversi), quindi meno precise e piu forfettarie.
      Una copertura piu specifica costerebbe molto di meno.

      l'ho postato prima, quella solo bici finchè c'era (10 anni fa) qui cosatava 5 franchi annui........

        Online CEMTURIO983

        • Hasse Jeppson
        • ***
        • Post: 8775
        • Karma: 9
        • Sesso: Maschio
        • Squadra del cuore:
        « Risposta #93 il: Ottobre 13, 2021, 14:00:17 pm »
        Cem, renditi conto che per un morto da monopattino escono diversi titoloni sui giornaloni (ormai tutti della fiat), mentre in Italia le vittime della strada causate dai motori sono quasi nove NOVE! al giorno e vengono accettate come sacrificio inevitabile sull'altare di non si capisce bene cosa. Parliamo proprio di ordini di grandezza non paragonabili. Il problema dei monopattini esiste, perché non avendo percorsi sicuri vanno spesso sui marciapiedi, e questo non è accettabile. È una vergogna? Sì, è una vergogna. Però la vergogna più grande non è il monopattino sul marciapiede, ma il fatto che se scende dal marciapiede il conducente rischia la vita. E non è solo una questione di infrastrutture, è un problema culturale. Non è accettabile che nelle strade urbane non sia previsto, e fatto rigorosamente rispettare, ovunque, il limite di 30 km/h. La gente corre, corre senza motivo, senza senso, corre per rabbia, tra un semaforo e l'altro, per poi frenare di botto, quando va bene cento metri dopo. Sprecano energia, denaro, ossigeno, vita. E se gli si propone un modello diverso, il problema principale diventa quel modello. Sì certo, "odio anche i SUV", ma le bici, grrrr, i monopattini, arfh arfh, impuniti, stolti, stronzi, bastardi. Io la macchina ce l'ho e la uso pure. Con una famiglia, due figli e una cana è quasi impossibile farne del tutto a meno, anche se qualcuno ci riesce, benemerito. Ma da quando vado anche o soprattutto in bici, e ormai sono oltre vent'anni, ho imparato perfino a guidare meglio la macchina. Ho imparato a evitare strappi inutili, frenate brusche, velocità eccessive. Odio meno gli altri utenti della strada, perfino gli altri automobilisti. Quando sono in macchina me ne sto seduto comodo, alla temperatura che preferisco, ascolto la radio, parlo al telefono in viva voce, mi rilasso. E aspetto. Aspetto che il serpente lento e rigido che ho davanti scorra rabbioso tra il colesterolo delle auto in sosta, di quelle in doppia fila, ferme sulle strisce, sugli scivoli per i disabili. Me ne sto tranquillo a godermi il comfort dell'abitacolo, conosco il prezzo da pagare e lo pago. E da qualche anno ho anche google o waze che mi dicono qual è quel prezzo e quale strada costa meno. Non ho più nemmeno l'ansia di sapere se farò in tempo ad arrivare dove devo arrivare quando devo arrivarci. È tutto prevedibile, sempre o quasi sempre. E allora cos'è che genera tutta questa rabbia nella stragrande maggioranza delle persone? Non è che alla fine è solo invidia, come dice Paolo Rumiz?

        Ma guarda parli con uno che in 5 anni ha fatto 14mila km. La meta di quali in 6/7 occasioni.
        Essenzialmente dipingi la realta cosi come la vedo anche io.

        Non ne faccio una questione di auto vs bici.
        Per me si tratta di un principio: perché un cinquantino è sottoposto ad una serie di regole e una bici elettrica no?
        Se preferisci ti potrei anche domandare "perche per portare la Ligier non serve la patente e per la toyota aigo si? O per il motorino 50cc si?
        Solo che qua si parla di biciclette.

        Io non vedo questa grande differenza che giustifichi una diversita cosi grande di trattamento.
        Pero sono opinioni quindi ovviamente non pretendo di avere ragione.

        Quello su cui non concordo e dire "eh ma gli incidenti sono pochi". Cosa vuol dire poco? Quando si parla di morti per me il poco non esiste.
        Allora non capisco tutto il casino che si fa per 100 donne che vengono uccise l anno. Sono tante due a settimana? O sono poche?


          Online CEMTURIO983

          • Hasse Jeppson
          • ***
          • Post: 8775
          • Karma: 9
          • Sesso: Maschio
          • Squadra del cuore:
          « Risposta #94 il: Ottobre 13, 2021, 14:09:36 pm »
          E vabè ma se uno va a processo e risulta nullatenente figurati se si sarebbe fatto un'assicurazione sulla bicicletta; qua devi vedere se le auto sono assicurate. Per le auto nel caso fai un'incidente con uno non assicurato e che non può risponderne monetariamente c'è il fondo vittime della strada, penso ci possa accedere anche un pedone investito dalla bici.
          Per me le assicurazioni sono una mezza mafia per come si comportano al sud, perchè è vero che ci sono gli imbroglioni ma è anche vero che un perito ci mette mezzo secondo a sgamarli e loro ormai non te lo mandano nemmeno, risarciscono il danno e poi aumentano il massimale a tutta la provincia ogni tot anni. Potrei parlare di decine di episodi in cui hanno pagato senza manco controllare cosa era successo, a volte perfino a mia insaputa. Quindi figurati con l'assicurazione alle bici e ai monopattini che succede, andresti a dare ancora più potere a questi signori per mezzo incidente che succede ogni anno.
          Poi sicuramente chi girà in bici si prende più liberta perchè è il mezzo stesso che te lo permette, sono cose che io evito però è difficile colpire i colpevoli. Il problema è che le strade sono pensate per le auto, con tutti i vari sensi unici rotonde semafori ecc. quindi le biciclette rompono le palle, naturalmente se si decidesse di andare a sgomberare almeno i centri città potresti pensare a un piano urbanistico serio che prevede un massiccio uso delle bici.

          La realta delle assicurazioni è un po' diversa da come viene percepita. Ovviamente non parliamo di aziende che fanno beneficienza ma è tutto un po piu complesso. Per ora ti dico che le compagnie, con l RC auto hanno perso soldi per decenni. Tutt ora è un ramo che da guadagni irrisori. Ovviamente ci guadagnano in modo indiretto (è sempre comodo avere un database di clienti grande a cui proporre e vendere altri prodotti piu redditizi). Poi dovremo parlare delle ingerenze della política sulle tariffe fatte da emeriti ignoranti che pensano di fare i Robin Hood della situazione ottenendo i risultati opposti.
          Magari un giorno apriamo un post apposito e smentiamo qualche luogo comune (e ne confermiamo qualcun altro).

          Sul resto sono essenzialmente daccordo. Capisco che per un ciclista fermarsi ad un semaforo, magari in salita, comporti un problema rispetto alla macchina e quindi continua dritto e via, capisco pure che andare sul marciapiede spesso è una questione di legittima difesa perché le strade sono insicure. Non considero i ciclisti in toto degli incivili che se ne fottono.
          Semplicemente credo che la strada sia frequentata da persone di diverso tipo che dovrebbero rispettare le stesse regole.

          Poi queste persone sono esposte a rischi diversi a seconda del mezzo che utilizzano e quindi dovrebbero avere tutele diverse.
          Per me gli unici indifesi sono i pedoni. Tutti gli altri sono dei potenziali rischi e in quanto tali dovrebbero risponderne.

            Online SpicciUnmask

            • Degustatore di ananassi
            • Antônio Careca
            • ****
            • Post: 22772
            • Karma: 47
            • Squadra del cuore:
            « Risposta #95 il: Ottobre 14, 2021, 13:37:31 pm »
            Diciamo pure che dal pdv dell'incidentistica la bici rispetto all'auto cubbba più punti....
            Alvino lecchino - Del Genio contraggenio - De Maggio Lecchinaggio - De Luca suca - Chiariello chiachiello - Giordano deretano - Scorzafava machisachiava - Improta lota - Mele infedele - Caiazza frat ro cazz - Corbo torbo - Criscitiello piscitiello - Pedullà cincillà - Di Marzio strazio - Zazzaroni lazzarone - Gallo merda di cavallo - Venerato Conato - Gifuni nun sì nisciun - Auriemma lotamma - Alciato fetaciato - Malfitano ciarlatano - Marolda manigolda - Modugno ripugno - Cocca ca zizza mmocca - Iannicelli ciucciapiselli di tutta quanta la famiglia Agnelli

               

              SimplePortal 2.3.7 © 2008-2022, SimplePortal