Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Topic: Situazioni Internazionali  (Letto 50977 volte)

0 Utenti e 4 Visitatori stanno visualizzando questo topic.


Online Addaveni'Baffone

  • Degustatore di ananassi
  • Ruud Krol
  • ****
  • Post: 18963
  • Karma: 43
  • Squadra del cuore:
« Risposta #825 il: Ottobre 13, 2019, 18:25:12 pm »
Non c'è bisogno di arrivare così lontano nel tempo. Nel 1300 d.c. oriente e medio oriente erano molto più sviluppati rispetto all'europa. I testi di platone che possediamo oggi per esempio sono arrivati da fonti arabe e ebraiche. :look:
Non avete capito un cacchio
Sto parlando del bacino del mediterraneo come culla della civiltà  con esclusione della Mesopotamia che non affaccia li tutte le grandi civiltà sono nate li 
Che ne siano poi venute altre dopo e altrove non significa nulla
Maya e Aztechi erano civili come gli Inca più dei coevi europei o come lo erano gli arabi nel medioevo, ma come orizzonte temporale le civiltà  del bacino del mediterraneo erano civili quando altrove si viveva nelle caverne

    Online GIANPAOLO

    • Omar Sivori
    • ****
    • Post: 13434
    • Karma: 171
    • Sesso: Maschio
    • Squadra del cuore:
    « Risposta #826 il: Ottobre 13, 2019, 19:08:48 pm »
    Non avete capito un cacchio
    Sto parlando del bacino del mediterraneo come culla della civiltà  con esclusione della Mesopotamia che non affaccia li tutte le grandi civiltà sono nate li 
    Che ne siano poi venute altre dopo e altrove non significa nulla
    Maya e Aztechi erano civili come gli Inca più dei coevi europei o come lo erano gli arabi nel medioevo, ma come orizzonte temporale le civiltà  del bacino del mediterraneo erano civili quando altrove si viveva nelle caverne
    Babilonesi, Persiani, Indiani (quelli dell'India), Cinesi, erano civiltà ben evolute e sviluppate anche prima di Greci e Romani :look:

    Tra l'altro a sud dell'Egitto c'erano civiltà Africane (quella Nubiana per esempio) che non avevano nulla da invidiare alle civiltà mediterranee :shhlook:

    La vera grande distinzione avviene con le scoperte nel periodo ellenistico (III sec. a. C., tra cui la macchina a vapore) molte delle quali riscoperte durante la cosiddetta rivoluzione industriale (soprattutto la già citata macchina a vapore che rappresentò un salto di progresso enorme, paragonabile solo alla rivoluzione agricolo avvenuta ancora una volta in medio oriente) :look:

    Il concetto di Mediterraneo come culla della civiltà è un concetto Mediteraneocentrico :look:
    CHI ETICHETTA LE PERSONE È SOLO UN VERO C....ONE
    Inserisci una lettera al posto di ogni punto e completa tu la parola :*chupa*:
     
      

      Online Addaveni'Baffone

      • Degustatore di ananassi
      • Ruud Krol
      • ****
      • Post: 18963
      • Karma: 43
      • Squadra del cuore:
      « Risposta #827 il: Ottobre 14, 2019, 08:56:43 am »


      Babilonesi, Persiani, Indiani (quelli dell'India), Cinesi, erano civiltà ben evolute e sviluppate anche prima di Greci e Romani :look:

      Tra l'altro a sud dell'Egitto c'erano civiltà Africane (quella Nubiana per esempio) che non avevano nulla da invidiare alle civiltà mediterranee :shhlook:

      La vera grande distinzione avviene con le scoperte nel periodo ellenistico (III sec. a. C., tra cui la macchina a vapore) molte delle quali riscoperte durante la cosiddetta rivoluzione industriale (soprattutto la già citata macchina a vapore che rappresentò un salto di progresso enorme, paragonabile solo alla rivoluzione agricolo avvenuta ancora una volta in medio oriente) :look:

      Il concetto di Mediterraneo come culla della civiltà è un concetto Mediteraneocentrico :look:

      Guarda ad ogni modo non ne faccio una questione di supremazia
      Ma solo per dire che è normale che l'Europa dovrebbe guardare ai propri interessi e non demandare tutto agli americani

        Online #amanteronatale

        • Diego Armando Maradona
        • *****
        • Post: 67113
        • Karma: 512
        • Squadra del cuore:
        « Risposta #828 il: Ottobre 14, 2019, 13:33:08 pm »
        Già solo per il fatto che hanno esperienza sul campo, cosa che a noi manca dal 1945 :look: li pone in vantaggio.
        L'Italia sicuramente, ma GB e Francia di esperienza sul campo ne hanno, anche se affidarsi ai francesi vuol dire fallimento assicurato. :look:

        I curdi intanto trovano un accordo con Assad, quindi con la Russia. Ricordo che la Turchia è nella NATO, in caso di scontro tra quel che resta dell'esercito siriano contro quello turco ne uscirebbe un nonsense meraviglioso. Ottimo lavoro, Donald. :look:

          Online CARACAS70

          • Attila Sallustro
          • ***
          • Post: 7809
          • Karma: 30
          • Sesso: Maschio
          • Cave canem
          • Squadra del cuore:
          « Risposta #829 il: Ottobre 14, 2019, 15:16:09 pm »
          Erdogan e' stato furbo, e gli americani (ancor prima di Trump) sono stati abbastanza ingenui.
          Credere alla buona fede di chi promette di difendere i tuoi interessi, facendo da scudo, a cambio di una sponsorizzazione all'entrata nella UE (oltre alla permanenza nella NATO), e' una follia di politica internazionale perpetrata da un paese, gli USA, che fanno sempre fatica a comprendere il resto del mondo.

          io sinceramente non me la sento di sostenere una o l'altra fazione, e' una logica abbastanza becera quella che vorrebbe fare dei distinguo tra buoni e cattivi. Quella di Erdogan e' guerra, punto, ed Assad e Putin non sono dei pacifisti, punto.
          Questa volta i curdi sono la carne da macello di turno.
          Professarsi indignati e' superfluo, bastano le immagini che tutti vediamo

          Detto questo, tanto Assad come Erdogan, tanto Maduro ed ancor prima Chavez, come Hassan Rouhani e prima di lui Mahmud Ahmadinejad, passando per Putin, Kim Jong-il e la famiglia Castro, sono tutti dei dittatori. Non esiste spazio per interpretazioni distinte.
          Noi occidentali possiamo e dobbiamo combattere contro malgoverni o governanti beceri, razzisti e despota come Trump, come Johnson, come Salvini o altri, ma non possiamo azzardare inclinazioni più o meno simpatizzanti verso quelli citati sopra per combattere le nostre battaglie di civiltà politica all'interno dell'Occidente.

          Si deve sempre dire di no ai dittatori, a coloro che imprigionano, torturano ed uccidono giornalisti, attivisti e quant'altro, sempre e solo per ammutolire qualsiasi germe di libertà e democrazia, e non possono esistere ambiguità. Non ci sono dittatori buoni e dittatori cattivi.
          O abbandoniamo il MediOriente e tutti i paesi oppressi al loro destino, emarginandoli dal nostro raggio di coscienza, o ci mettiamo tutti dentro fino al collo, senza pero' risvegliare inutili quanto dannosi "sentimenti" pacifisti che sono vivi e sensati nel nostro Continente Europa, ma che al di fuori di esso non hanno nessun senso.
          Le guerre ed i popoli che le perpetrano sono più vivi che mai, e la bandiera pacifista non ha spazio per essere piantata in questo momento laddove non esistono premesse di democrazia e libertà
          Cit. "Un giorno tutto questo finirà"

            Online #amanteronatale

            • Diego Armando Maradona
            • *****
            • Post: 67113
            • Karma: 512
            • Squadra del cuore:
            « Risposta #830 il: Ottobre 17, 2019, 12:05:14 pm »
            Intanto pare ci sia l'accordo sulla brexit, il problema è l'opposizione del DUP, ma Boris Johnson sembra fiducioso sulla possibilità di convincerli/bypassarli e vuole fare all in portando l'accordo al voto. Praticamente è la soluzione più logica: l'Irlanda del Nord non farà parte del mercato unico europeo, ma i controlli doganali saranno posti al porto d'arrivo in UK e non al confine con Dublino. L'Irlanda del Nord resterebbe comunque allineata alle norme UE per 4 anni, prorogabili di ulteriori 4 dal parlamento locale.

            O si trovano i voti o si va verso la hard brexit, un ulteriore rinvio è improbabile (ma con la politica inglese degli ultimi anni, mai dire mai).

              Online CARACAS70

              • Attila Sallustro
              • ***
              • Post: 7809
              • Karma: 30
              • Sesso: Maschio
              • Cave canem
              • Squadra del cuore:
              « Risposta #831 il: Ottobre 17, 2019, 14:03:01 pm »
              Intanto pare ci sia l'accordo sulla brexit, il problema è l'opposizione del DUP, ma Boris Johnson sembra fiducioso sulla possibilità di convincerli/bypassarli e vuole fare all in portando l'accordo al voto. Praticamente è la soluzione più logica: l'Irlanda del Nord non farà parte del mercato unico europeo, ma i controlli doganali saranno posti al porto d'arrivo in UK e non al confine con Dublino. L'Irlanda del Nord resterebbe comunque allineata alle norme UE per 4 anni, prorogabili di ulteriori 4 dal parlamento locale.

              O si trovano i voti o si va verso la hard brexit, un ulteriore rinvio è improbabile (ma con la politica inglese degli ultimi anni, mai dire mai).

              e nel mentre gli scozzesi si stanno adirando
              Cit. "Un giorno tutto questo finirà"

                Online LAGRANGIA

                • Degustatore di ananassi
                • Giuseppe Bruscolotti
                • ****
                • Post: 17127
                • Karma: 162
                • Squadra del cuore:
                « Risposta #832 il: Ottobre 26, 2019, 01:07:00 am »
                Ma in Cile?

                  Online #amanteronatale

                  • Diego Armando Maradona
                  • *****
                  • Post: 67113
                  • Karma: 512
                  • Squadra del cuore:
                  « Risposta #833 il: Novembre 18, 2019, 20:44:35 pm »
                  Tra Hong Kong e la questione degli uiguri, non si trovano oramai più aggettivi per descrivere l'enorme montagna di merda che è la Cina.

                     

                    SimplePortal 2.3.7 © 2008-2019, SimplePortal