Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Ragioni Karma per messaggio concreto

Messaggio

Habana

    Degustatore di ananassi
    Diego Armando Maradona
    Post: 41191
  • Karma: 327

:allahsi3:

è proprio grazie a tutti i limiti imposti che la F1 è arrivata ad essere quello che è oggi e poi Bernie Ecclestone si meraviglia quando sente il rumore dei nuovi motori, ma allora mi chiedo, ma chi li fa sti regolamenti del cacchio? e soprattutto, è mai possibile che siano stati creati una marea di nuovi circuiti dove di fatto il sorpasso è impossibile? cioè ma sono matti o cosa?
c'è anche da dire però che lo sviluppo libero non garantirebbe un livellamento delle prestazioni ma anzi queste sarebbero ancora più  nette
una volta lo sviluppo libero funzionava alla grande complice l'inaffidabilità delle macchine
in f1 c'è sempre stato un dominatore che faceva la differenza su tutti e lo spettacolo veniva garantito però dal problema tecnico che un tempo era frequente
magari si vedeva un pilota primo con 40 secondi su tutti che però improvvisamente rompeva qualcosa e si faceva raggiungere
negli anni 50 addirittura c'erano anche minuti tra primo e secondo poi capitava che a metà gara il primo rompeva qualcosa rientrava ai box perdeva tutto il vantaggio ed era costretto a rientrare con la macchina di un compagno di squadra e andava comunque a riprendersi la testa della corsa e vincere il gp
oggi lo sviluppo tecnologico fa si che questo tipo di problema è quasi inesistente
un gp come quello di montreal domenica scorsa ha garantito un minimo di spettacolo grazie a questo ma mentre un tempo la frequenza di questi gp era altissima ora un altro gp con il primo alle prese con problemi tecnici ci va di culo se lo vedremo nel gp del canada del 2018....
inoltre sono cambiati anche i piloti perchè laddove vedevi un senna che nel 91 ti faceva i giri finali del gp del brasile con il cambio bloccato in quinta e quasi sveniva a fine gara ora il pilota che ha pure mezza marcia che non entra come dice lui anche a un giro dalla fine si ferma al box e si va subito a leggere la telemetria aspettando chi sa quale rivelazione divina....
per cui alla luce di ciò mi va pure bene che si impongono dei limiti per livellare le prestazioni tra squadre (che infatti se ora tra il primo e l'ultimo ci sono massimo 3 secondi di prestazione un tempo c'erano anche 9-10 secondi cosa che la regola del 107% era davvero una necessità per togliere da mezzo un paio di lumachine pericolose) ma non mi possono però allo stesso tempo anche frenare la ricerca della prestazione
inammissibile spulciare i record di una pista qualsiasi e vedere tipo che a montreal il record su giro in qualifica risale al 2004 (dicasi 10 anni fa....) con 1.12 che poi nel 2014 questi a stento arrivano sotto l' 1.15 in qualifica
quasi 3 secondi peggio su un circuito di poco più di 4 km in 10 anni allora tra 10 anni di questo passo ci mandiamo a correre le punto...
che poi la ricerca della prestazione fa si anche che aumenti il guasto tecnico con annessa imprevedibilità che è sempre stata l'elemento fondamentale della f1 ma anche i sorpassi ne beneficerebbero
non ci vuole molto per capire che riducendo ad ogni generazione il carico aereodinamico come puntualmente fanno gli scienziati della fia aumentano le difficoltà dei singoli piloti in uscita di curva in caso di vicinanza al pilota davanti e a meno di non fare circuiti con 5 km di rettilineo la scia diventa superflua al punto da non garantire sorpassi
poi aggiungono il drs che quest'anno pare abbia pure un effetto scarso e allora ecco la formula noia
Cambiato Cambia Ragione Data
SimplePortal 2.3.7 © 2008-2021, SimplePortal