Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Ragioni Karma per messaggio concreto

Messaggio

Hank 中國

    Degustatore di ananassi
    Omar Sivori
    Post: 14635
  • Karma: 281

Bernie Ecclestone  :stralol:

MELBOURNE - «Sono rimasto disgustato dalla mancanza di rumore». A Bernie Ecclestone, patron della Formula 1, i nuovi motori turbo V6 proprio non piacciono. Il Gp d'Australia, che domenica ha aperto il Mondiale a Melbourne, per 'Big Bernie' è stato uno spettacolo di basso livello. «Non mi ha disturbato il rumore. Mi ha disgustato la mancanza di rumore - dice Ecclestone al quotidiano The Age -. «Mi dispiace che i fatti mi abbiano dato ragione: queste macchine non sembrano monoposto da corsa per il rumore che producono. Ho parlato con Jean (Todt, presidente della Fia, ndr) e gli ho detto che dobbiamo verificare se esiste il modo di farle sembrare macchine da corsa».

PROTESTE DALL'AUSTRALIA «Non so - prosegue - se sia possibile, ma dovremmo comunque verificare. Aspettiamo le prime gare e poi vediamo, ma non possiamo attendere l'intera stagione. Poi potrebbe essere troppo tardi». Ecclestone ha avuto contatti anche con Luca di Montezemolo, presidente della Ferrari: «Ho appena parlato con lui, ha detto che non ha mai ricevuto tante email di lamentele, secondo cui questa non è la Formula 1». Ecclestone ha dovuto ascoltare anche le proteste di Ron Walker, presidente dell'Australian Grand Prix Corporation (AGPC). Gli organizzatori del Gp di Melbourne sognavano una gara rumorosa, se non spettacolare. Invece, si sono dovuti accontentare di un 'ronzio'. «Non abbiamo pagato per una cosa del genere. Questo diventerà un problema per tutti gli organizzatori», dice Walker. 

MELBOURNE A RISCHIO? «Ron ha ragione», taglia corto Ecclestone. «Chi era seduto in tribuna - incalza Walker - poteva a malapena sentire le monoposto che arrivavano sul rettilineo. Noi siamo una compagnia di entertainment e dobbiamo offrire spettacolo al pubblico. Se viene meno l'emozione, diventa un problema vendere biglietti. Bisogna creare le basi per la domanda e una parte della richiesta di biglietti dipende dal fatto che alla gente piace il rumore prodotto dalle monoposto. Ne stiamo parlando con Bernie, la situazione attuale è una chiara violazione del contratto. Non abbiamo pagato per questo, le cose cambieranno». Il pressing di Walker va collegato anche alla trattativa per il rinnovo del contratto tra la Formula 1 e il Gp d'Australia. L'accordo attuale scadrà dopo la gara del 2015. Il governo dello stato di Victoria, principale finanziatore dell'evento, ancora deve formalizzare il proprio impegno per il futuro.
Cambiato Cambia Ragione Data
SimplePortal 2.3.7 © 2008-2021, SimplePortal