Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Topic: Lettera disperata di una testimone di geova disassociata (espulsa)  (Letto 2282 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.


Offline BluNapoli

  • Napoli Unica Fede
  • Josè Altafini
  • **
  • Post: 4993
  • Karma: 7
  • Sesso: Maschio
  • Napoli capitale del SUD!
  • Squadra del cuore:
« Risposta #135 il: Novembre 30, 2017, 17:21:33 pm »
Ecco un  estratto dal loro gran sito ufficiale (quindi parola di Geova):

Come comportarsi con chi è disassociato (cioè uno che scappa via da loro).

Poche cose ci fanno soffrire più del vedere un parente o un caro amico che viene espulso dalla congregazione cristiana come peccatore impenitente. Il modo in cui reagiamo alle istruzioni della Bibbia al riguardo può rivelare la profondità del nostro amore per Dio e della nostra lealtà alle sue disposizioni.

Come dovremmo comportarci con chi è disassociato? La Bibbia dice: “[Cessate] di mischiarvi in compagnia di qualcuno chiamato fratello che è fornicatore o avido o idolatra o oltraggiatore o ubriacone o rapace, non mangiando nemmeno con un tal uomo”. (1 Corinti 5:11) Riguardo a chi “non rimane nell’insegnamento del Cristo”, si legge: “Non ricevetelo in casa e non rivolgetegli un saluto. Poiché chi gli rivolge un saluto partecipa alle sue opere malvage”. (2 Giovanni 9-11) Quindi con chi è disassociato non abbiamo contatti di natura spirituale o sociale. La Torre di Guardia del 1° gennaio 1982, a pagina 25, diceva: “Un semplice saluto può essere il primo passo che porta a una conversazione e forse anche a un’amicizia. Vorremmo fare questo primo passo con un disassociato?

È davvero necessario evitarlo del tutto? Sì, e per diversi motivi. Primo, è una questione di lealtà a Dio e alla sua Parola. Ubbidiamo a Geova non solo quando ci conviene, ma anche quando è difficile farlo. L’amore per Dio ci spinge a ubbidire a tutti i suoi comandi, poiché riconosciamo che egli è giusto e amorevole e che seguire le sue leggi è sempre la cosa migliore. (Isaia 48:17; 1 Giovanni 5:3) Secondo, allontanandoci da un trasgressore impenitente, noi e gli altri componenti della congregazione siamo protetti dalla contaminazione morale e spirituale, e teniamo alto il buon nome della congregazione stessa.... [continua]
FONTE: wol.jw.org

___________________________________________________________________________________________________________

Adesso dico io, con tutta sincerità, ma una persona sana di mente, che ragiona con il proprio cervello (anche se non è molto intelligente) può accettare una cosa del genere? Può arrivare a tanto?
Ma che diamine di lavaggio del cervello fanno a queste persone? :facepalm: :facepalm: :shock:

     

    SimplePortal 2.3.5 © 2008-2012, SimplePortal