Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Topic: Incresciosa situazione con Wind  (Letto 123 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.


Online andreab1926

  • E mi attacco alle stelle che altrimenti si cade...
  • Diego Armando Maradona
  • *****
  • Post: 38319
  • Karma: 2694
  • Sulla testa un pò di sole ed in bocca una canzone
  • Squadra del cuore:
« il: Dicembre 01, 2017, 12:26:10 pm »
Condividi
Salve ragazzi, vi espongo una questione che mi sta dando non poco fastidio:
A Maggio del 2015, essendo cliente Wind con una semplice ricaricabile ebbi la brillante idea di acquistare un cellulare con la suddetta compagnia pagandolo a rate di mese in mese ed avrei terminato il pagamento a Dicembre 2017.

 Premesso che da un anno a questa parte mi hanno dato sempre problemi con l'addebito automatico nonostante in banca risulti l'aggancio del conto, a Luglio dopo l'ennesimo messaggio di rimodulazione della mia offerta Wind ricaricabile (terzo messaggio di aumento nel giro di un annetto) decido di cambiare operatore e passo a 3 aderendo ad un'offerta in line.

Il messaggio della rimodulazione ricevuto il 24 Luglio mi diceva che potevo recedere entro 30 giorni dalla ricezione del messaggio senza alcuna penale e così nei primi giorni di luglio do via alla pratica on line per l'offerta della 3 ed invio, tramite Telegram, il modulo con la richiesta di portabilità firmata. La sim 3 mi viene recapitata ad Agosto e nell'arco di 3 giorni dalla ricezione della stessa mi viene effettuata la portabilità.
Nel frattempo, conscio di tali lungaggini, mi premuro (ammetto con ritardo perché l'ho fatto solo il 24 Luglio) di chiamare Wind specificando la situazione; parlo con ben due operatori albanesi differenti i quali mi  confermano che non avrei pagato alcuna penale ma dovevo, entro la scadenza del vincolo che mi legava allo smartphone (prevista come detto per Dicembre) inviare una raccomandata in cui indicavo che il mio cambio di operatore era stato consequenziale alla loro rimodulazione e che pertanto mi impegnavo a pagare le restanti rate del cellulare senza alcun corrispettivo di penale.
Ebbene, invio la raccomandata il 26 Luglio (dopo 32 giorni effettivi dalla ricezione dell'sms, ma comunque in 30 giorni lavorativi se vogliamo) e scopro soltanto in questi giorni che è stato bloccato l'Imei del cellulare, senza alcun preavviso, e che oltre alla rata di Dicembre avrei dovuto pagare anche la penale di oltre 150€ perché la probabilità non è avvenuta nei 30 giorni dalla ricezione dell'sms, né è stata inviata la raccomandata nei 30 giorni nonostante nel messaggio non si parlava di alcuna raccomandata.

Fatto interessante poi, da circa un anno posso dire che un mese si ed un mese no mi hanno dato problemi dicendomi che il conto si era sganciato e che dovevo tornare presso un centro Wind a fare l'aggancio (cosa sempre fatta) ed ad oggi parlando con un loro scostumatissimo operatore mi viene comunicato che il conto a loro risulta sganciato da mesi però, strano a dirsi, hanno comunque richiesto l'addebito di  tale cifra che la banca ha subito provveduto a bloccare. Ma come? Il conto non era sganciato tant'è che ogni mese ho dovuto fare bonifici vari e recarmi presso il centro Wind?

Ora vi chiedo:
Tramite un app trovata sul play store ho cambiato Imei al cellulare ed ora ho nuovamente la linea, ho sbagliato a fare tutto ciò?

Rivolgendomi al Corecom la spunteró? Io voglio pagare l'ultima rata e null'altro.

Grazie per l'attenzione e per i vostri sempre utili consigli

     

    SimplePortal 2.3.5 © 2008-2012, SimplePortal