Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Topic: Olimpiadi invernali 2018  (Letto 1152 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.


Online El_Perro

  • Antonio Vojak
  • ***
  • Post: 6252
  • Karma: 26
  • Sesso: Maschio
  • Squadra del cuore:
« Risposta #30 il: Febbraio 23, 2018, 13:26:42 pm »
Che delusione, non hanno fatto vincere la Medvedeva  :nono:

    Online SPiccinini

    • Antonio Vojak
    • ***
    • Post: 6444
    • Karma: 13
    • Squadra del cuore:
    « Risposta #31 il: Marzo 03, 2018, 11:09:47 am »
    Per me la più bella è lei :love:









    ed è italiana, altro che russa :shhlook:





    Dorothea Wierer
    Biatleta
    1 bronzo alle olimpiadi di Soci 2014
    1 argento e 2 bronzi ai mondiali
    1 coppa del mondo individuale
    Nella penultima foto fa intuire chiaramente che per lei le dimensioni non sono importanti...

    Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk

    Tengo a precisare che quando definisco "giornalai" i giornalisti, non intendo in alcun modo offendere la categoria dei giornalai; se li volessi offendere, li chiamerei giornalisti....

    <Non conosci minimamente FIRENZE amico mio.
    E' l'unica partita nella quale possiamo anche NON PRESENTARCI in campo> - Ipse Dixit

      Online GIANPAOLO

      • Edinson Cavani
      • ****
      • Post: 11035
      • Karma: 166
      • Sesso: Maschio
      • Squadra del cuore:
      « Risposta #32 il: Aprile 25, 2018, 19:35:59 pm »
      Io consiglierei di dare un'occhiatina all'ultima foto postata dalla Wierer su instagram :shhlook:

       
      La mattina andammo a fare riscaldamento al San Paolo. Carlos (Tevez) mi parlava di questo stadio, ma io che ho giocato nel Barça mi dicevo: "Che sarà mai il San Paolo!". Eppure appena misi piede su quel campo sentii un qualcosa di magico, di diverso, di particolare. La sera quando ci fu l’inno della Champions, vedendo 80.000 persone fischiarci mi resi conto in che guaio ci eravamo messi! Qualche partita importante nella mia carriera l’ho giocata, ma quando sentii quell’urlo fu la prima volta che mi tremarono le gambe! Bene, fu lì che mi resi conto che questa per i napoletani non è solo una semplice squadra, questo è un amore viscerale, come quello che c’è tra una madre ed un figlio! Fu l’unica volta che dopo aver perso rimasi in campo per godermi lo spettacolo“ Yaya Touré.

         

        SimplePortal 2.3.5 © 2008-2012, SimplePortal