Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Ragioni Karma per messaggio concreto

Messaggio

kta

    Degustatore di ananassi
    Ruud Krol
    Post: 18819
  • Karma: 26

Sulle finali Slam perse da Thiem concordo. Ha avuto sicuramente la sfortuna di giocare contro i 2 mostri nei loro 2 tornei di casa e può avere rimpianti, ma cmq non troppi, solo per l'AO di quest'anno. Evidentemente però gli hanno lasciato il segno forse non ancora superato dalla vittoria dell'US Open ( e l'ha confermato lui stesso dopo la vittoria in semi su Nole)
Su Zverev chiaro che tecnicamente ha tutti i mezzi per poter arrivare in cima. Ma la mia riflessione era basata sugli Slam dove non gli ho mai visto vincere una partita con autorità manco ai primi turni con dei carneadi a volte. È come se subisse proprio un blocco psicologico-tecnico. Poi lo potrà superare ci mancherebbe, ma al momento grandi delusioni negli Slam in rapporto al bagaglio tecnico per me

Inviato dal mio SM-G975F utilizzando Tapatalk
Su Zverev hai ragione però appunto, quest'anno ha mostrato qualcosa di più. Secondo me il problema era ANCHE  tecnico e fisico prima, non reggeva i 5 set e aveva il problema enorme della seconda di servizio. Ora mi sembra più pronto su queste due cose. E può anche migliorare. L'anno prossimo me lo aspetto in altre due semi Slam minimo.
Su Thiem concordo in toto, ho sentito anche io la sua frase e qualcosina ina c'è, ma ripeto, un po' esagerato perché alla fine erano quasi tutte "perdibili" quelle finali (e quelle due dove era favorito non le ha affrontate certo contro avversari remissivi, Zverev fece la miglior stagione sul rosso della sua vita con anche la finale a Roma alla pari con Nadal e Tsitsipas prese la miglior settimana della sua vita).
Per me i miglioramenti clamorosi contro i Fab si tradurranno anche in finali vinte prossimamente. Ormai ha capito di essere al loro livello, così come Medvedev.
Il russo mi ha fatto fare un figurone: lo diedi vincitore delle Finals prima di Bercy e non mi ha smentito. Ma la verità è che per varietà tattica (questa superiore a tutti tranne un vecchio assente e forse Rafa), capacità di reggere lo scambio e servizio ha tutte le armi per sfondare ovunque. La strafottenza che mostra, poi, per me è garanzia che negli eventi importanti non mancherà mai. Aspetto anche lui al varco l'anno prossimo.
Per me i due finalisti di ieri daranno il via al cambio della guardia, è ben diversa da Zverev e Tsitsipas post-Finals la situazione. C'è maggiore continuità dei finalisti, sia ora che in proiezione, e minore estemporaneità del risultato
Cambiato Cambia Ragione Data
SimplePortal 2.3.7 © 2008-2021, SimplePortal