Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Topic: Indie italiano: abbiamo dunque un futuro?  (Letto 1571 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.


Online LAGRANGIA

  • Degustatore di ananassi
  • Omar Sivori
  • ****
  • Post: 13674
  • Karma: 159
  • Squadra del cuore:
« il: Marzo 23, 2017, 18:37:44 pm »
Condividi
Mi fa piacere condividere il recente interesse che sto sviluppando per l'indie italiano, fenomeno in sordina per qualche anno ormai esploso.

Cosa ne pensate dei vari FASK, Brunori Sas, Calcutta, Voina, Quercia, etc. etc.?

A me piacciono molto.....


    Online #amanteroschifo

    • Diego Armando Maradona
    • *****
    • Post: 64808
    • Karma: 505
    • Squadra del cuore:
    « Risposta #1 il: Marzo 23, 2017, 18:57:38 pm »
    C'è giusto un altro topic in cui massacriamo il movimento. :look:

      Online Arch Stanton

      • Degustatore di ananassi
      • Antonio Juliano
      • ***
      • Post: 9058
      • Karma: 168
      • Squadra del cuore:
      « Risposta #2 il: Marzo 23, 2017, 18:59:29 pm »
      C'era già un mio topic dove jastemmavo i morti di questi amanti dei sintetizzatori e il fascino che hanno sulle sbarbine. Ormai per colpa della mia ragazza non mi perdo un concerto, l ultimo venerdì scorso a insignelandia c'erano gli ex otago.  Almeno il biglietto costava solo sei euro.Nell' ordine l anno scorso mi sono beccato: Levante , i cani, calcutta1, thegiornalisti, i ministri, calcutta2.
      Brunori mi sono rifiutato perché un 40enne che si piange addosso non lo posso sopportare.
      Ultimamente vorrei uccidere il tizio dei thegiornalisti lui e le sue dita di seta se le ficcasse nel culo, mi sta scassando i coglioni in modo allucinante.

        Online LAGRANGIA

        • Degustatore di ananassi
        • Omar Sivori
        • ****
        • Post: 13674
        • Karma: 159
        • Squadra del cuore:
        « Risposta #3 il: Marzo 23, 2017, 19:30:39 pm »
        C'era già un mio topic dove jastemmavo i morti di questi amanti dei sintetizzatori e il fascino che hanno sulle sbarbine. Ormai per colpa della mia ragazza non mi perdo un concerto, l ultimo venerdì scorso a insignelandia c'erano gli ex otago.  Almeno il biglietto costava solo sei euro.Nell' ordine l anno scorso mi sono beccato: Levante , i cani, calcutta1, thegiornalisti, i ministri, calcutta2.
        Brunori mi sono rifiutato perché un 40enne che si piange addosso non lo posso sopportare.
        Ultimamente vorrei uccidere il tizio dei thegiornalisti lui e le sue dita di seta se le ficcasse nel culo, mi sta scassando i coglioni in modo allucinante.

        si ma musicalmente? a me pare che ti stanno sul culo per motivi estetici/di costume o che cazzo ne so.

        io la trovo una nouvelle vague molto godibile.
        Se poi c'è troppo piangersi addosso o piacioneria non lo so,
        ma di italiano cosa ci sarebbe?

        C'è qualche altra "scena" valida?

          Offline Sonny Boy

          • Omar Sivori
          • *****
          • Post: 14221
          • Karma: 285
          • Squadra del cuore:
          « Risposta #4 il: Marzo 23, 2017, 19:58:23 pm »
          @lagrangia  *_*  :allahsi3:

                             





























           :look:

            Online #amanteroschifo

            • Diego Armando Maradona
            • *****
            • Post: 64808
            • Karma: 505
            • Squadra del cuore:
            « Risposta #5 il: Marzo 23, 2017, 20:08:13 pm »
            Brunori mantiene una certa dignità dai, a me un po' piaciucchia pure. Levante è terrificante coi suoi gorgheggi e con tutto l'immaginario da universitaria disadattata e appassionata di Amelie. I Thegiornalisti sono gli indie del momento, ma un po' il livello è salito rispetto a qualche anno fa, quando si portava gente come Vasco Brondi e Dente (questo va ancora di moda).

            @lagrà, il problema è che io ci vedo poco proprio musicalmente. Non riesco manco a dirti oggettivamente perché, ma mi è sufficiente ascoltare un qualsiasi disco indie  anglosassone per percepire una abisso che relega l'indie italiano ad almeno quindici anni di distanza.

              Online Arch Stanton

              • Degustatore di ananassi
              • Antonio Juliano
              • ***
              • Post: 9058
              • Karma: 168
              • Squadra del cuore:
              « Risposta #6 il: Marzo 23, 2017, 20:43:57 pm »
              Io ne parlo come fenomeno di costume perché è un fenomeno di costume. A me fanno pure pariare i concerti e qualche canzone che ti resta in mente con la sua semplicità sonora, ma musicalmente parlando sono il nulla. L indie nasce in Inghilterra e America all' inizio degli anni 2000 come scia del Britpop riproponendo sonorità anni 80 tipiche di gruppi come gli Smiths che sono gli antesignani irraggiungibili del genere.
              In Italia come sempre ci arriviamo con 15 anni di ritardo e spacciandola come fenomeno. Come dice manuelito se ti senti un gruppo indie serio tipo i modest mouse dopo ti chiedi come cazzo è possibile che in Italia uno diventa famoso cantando 'non ho lavato i piatti con lo svelto e questa è la mia libertà' e suonando due accordi.
              A me fa pariare e l ho visto dal vivo due volte, ma la musica è un altra cosa.

                Online True User of Liberty

                • A little sun, a little shine, separates us both by forever and a day
                • Degustatore di ananassi
                • Josè Altafini
                • **
                • Post: 4554
                • Karma: 63
                • All Glory to the Hypnotoad
                • Squadra del cuore:
                « Risposta #7 il: Marzo 23, 2017, 21:18:47 pm »
                C'era già un mio topic dove jastemmavo i morti di questi amanti dei sintetizzatori e il fascino che hanno sulle sbarbine. Ormai per colpa della mia ragazza non mi perdo un concerto, l ultimo venerdì scorso a insignelandia c'erano gli ex otago.  Almeno il biglietto costava solo sei euro.Nell' ordine l anno scorso mi sono beccato: Levante , i cani, calcutta1, thegiornalisti, i ministri, calcutta2.
                Brunori mi sono rifiutato perché un 40enne che si piange addosso non lo posso sopportare.
                Ultimamente vorrei uccidere il tizio dei thegiornalisti lui e le sue dita di seta se le ficcasse nel culo, mi sta scassando i coglioni in modo allucinante.
                La tua vita e' un vero inferno
                È una marea di sangue, Lester, questa nostra vita. La merda che ci fanno ingoiare giorno dopo giorno, il capo, la moglie, eccetera, sfinendoci... Se non ti opponi e non gli spieghi che sei ancora una scimmia, nel profondo, lì dove conta, alla fine vieni spazzato via. (Lorne Malvo)
                Serie A senza Juve: firma adesso! - Compra ZCash!

                  Online AuanaSgheps

                  • Degustatore di ananassi
                  • Giuseppe Bruscolotti
                  • ****
                  • Post: 16093
                  • Karma: 131
                  • o sparagn nun è mai guaragn
                  • Squadra del cuore:
                  « Risposta #8 il: Marzo 23, 2017, 23:43:51 pm »
                  L'indie italiano è indietro di tipo 30 anni,scimmiotta sonorità che per chi un pò ha ascoltato la scena indie internazionale sembrano i chiattilli che fanno le cover nei gruppi al liceo :look:

                  L'unico bravo era Bugo :look:

                    Online TomDurrr

                    • Degustatore di ananassi
                    • Diego Armando Maradona
                    • *****
                    • Post: 27866
                    • Karma: 379
                    • Squadra del cuore:
                    « Risposta #9 il: Marzo 24, 2017, 00:14:29 am »
                    Levante però è bona :look:

                      Online LAGRANGIA

                      • Degustatore di ananassi
                      • Omar Sivori
                      • ****
                      • Post: 13674
                      • Karma: 159
                      • Squadra del cuore:
                      « Risposta #10 il: Marzo 24, 2017, 00:22:37 am »
                      Che vi devo dire, io vivo le esperienze musicali in modo diversificato.

                      Per quanto mi riguarda la cosa più bella che ho ascoltato negli ultimi tre anni
                      è Beatitudes - Kronos Quartet che tra l'altro sta nella colonna sonora de La Grande Bellezza
                      che andai a vedere a uno spettacolo delle 22:40 prima di emigrare (stavamo in 5 in sala) dall'Italia.
                      Quando passarono quelle notte nel silenzio della sala mi commossi.

                      Mi pare ovvio tuttavia che mentre stiro o cucino non possa essere time to Kronos Quartet,
                      o quando parto in scampagnata con l'auto, lì un Oroscopo, un Completamente, degli indie italiani ci sta benissimo
                      e mi rilassa molto, e lo trovo molto gradevole come sonorità.

                      Non mi vergogno a dire che nella mia chiavetta dell'auto ho anche una canzone degli One Direction (Story of my life) ma non è che mo m accatt o cd.

                      In 10 giga di musica un po' di indie italiano ci sta bene.
                      Una sera di qualche mese fa ci arritirammo mbriachi
                      sulle note di "fiamme nel campo rom": simpaticissima la cosa alla faccia della Boldrini  :asd:

                        Online LAGRANGIA

                        • Degustatore di ananassi
                        • Omar Sivori
                        • ****
                        • Post: 13674
                        • Karma: 159
                        • Squadra del cuore:
                        « Risposta #11 il: Marzo 24, 2017, 00:24:53 am »
                        Comuqnue vi ringrazio, il vostro snobismo verso queste new waves mi fa sentire
                        terribilmente cciovane e questo, alle soglie dei temutissimi 30,
                        fa un gran piacere  *_*
                        vi amE

                          Online True User of Liberty

                          • A little sun, a little shine, separates us both by forever and a day
                          • Degustatore di ananassi
                          • Josè Altafini
                          • **
                          • Post: 4554
                          • Karma: 63
                          • All Glory to the Hypnotoad
                          • Squadra del cuore:
                          « Risposta #12 il: Marzo 24, 2017, 00:28:01 am »
                          Pero' la canzone dei bambini sulla chiavetta te la potevi sparagnare :look:
                          È una marea di sangue, Lester, questa nostra vita. La merda che ci fanno ingoiare giorno dopo giorno, il capo, la moglie, eccetera, sfinendoci... Se non ti opponi e non gli spieghi che sei ancora una scimmia, nel profondo, lì dove conta, alla fine vieni spazzato via. (Lorne Malvo)
                          Serie A senza Juve: firma adesso! - Compra ZCash!

                            Online LAGRANGIA

                            • Degustatore di ananassi
                            • Omar Sivori
                            • ****
                            • Post: 13674
                            • Karma: 159
                            • Squadra del cuore:
                            « Risposta #13 il: Marzo 24, 2017, 00:33:51 am »
                            Pero' la canzone dei bambini sulla chiavetta te la potevi sparagnare :look:
                            sono contro il purismo in ogni cosa.
                            Esempio: ho il salvadanaio per cominciare a mangiare una volta da uno stellato,
                            però non è che se domani devo pigliarmi un menu dal Mc Donald's mi faccio problemi.

                            I puristi mi spaventano.

                              Online AuanaSgheps

                              • Degustatore di ananassi
                              • Giuseppe Bruscolotti
                              • ****
                              • Post: 16093
                              • Karma: 131
                              • o sparagn nun è mai guaragn
                              • Squadra del cuore:
                              « Risposta #14 il: Marzo 24, 2017, 00:34:37 am »
                              L'unico pezzo che non può mancare nel cd della fattanza/ubriachezza è "Perdere l'amore" :look:

                                 

                                SimplePortal 2.3.5 © 2008-2012, SimplePortal