Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Topic: Violenti scontri in Ucraina  (Letto 20192 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.


Online andreab1926

  • Diego Armando Maradona
  • *****
  • Post: 56459
  • Karma: 2729
  • Squadra del cuore:
« Risposta #645 il: Febbraio 28, 2015, 23:39:19 pm »
come si traduce giampaolo in russo :shhlook:
Edu

    Offline Lisi

    • Gianfranco Zola
    • **
    • Post: 1265
    • Karma: 20
    • Squadra del cuore:
    « Risposta #646 il: Marzo 01, 2015, 13:08:11 pm »
    riguardo l´uccisione di nemzov, ecco cosa putin diceva tre anni fa:


      Online demian88

      • Degustatore di ananassi
      • Diego Armando Maradona
      • *****
      • Post: 31674
      • Karma: 2286
      • Squadra del cuore:
      « Risposta #647 il: Marzo 01, 2015, 16:12:21 pm »
      in che modo?
      proponendoti per aiutare i servizi a trovare informazioni 



        Offline Lisi

        • Gianfranco Zola
        • **
        • Post: 1265
        • Karma: 20
        • Squadra del cuore:
        « Risposta #648 il: Marzo 03, 2015, 20:47:01 pm »
        proponendoti per aiutare i servizi a trovare informazioni

        é censura.

        qualcuno ha fatto vedere cosa succede a kiev ultimamente?
        ecco un esempio:


        questo invece é anche simpatico, decrive il malcontento tra le truppe ucraine:


        qui le proteste del battaglione aidar, da poco sciolto:
        « Ultima modifica: Marzo 03, 2015, 20:51:54 pm da Lisi »

          Offline Lisi

          • Gianfranco Zola
          • **
          • Post: 1265
          • Karma: 20
          • Squadra del cuore:
          « Risposta #649 il: Aprile 13, 2015, 15:50:13 pm »
          I servizi segreti francesi accusano gli Stati Uniti: "Menzogne sull'Ucraina"





          Di fronte alla camera bassa del parlamento francese, il generale Gomart punta il dito contro i servizi americani: "Pesano troppo all'interno della Nato"



          Matteo Carnieletto  - Lun, 13/04/2015 - 12:44





          Il generale francese Christophe Gomart, a capo della Direction du Renseignement Militaire, ha lasciato tutti di stucco quando, di fronte alla camera bassa del parlamento francese, ha pronunciato queste parole: "Il vero problema all'interno della Nato è che l'intelligence Usa è predominante, a differenza della francese.



          La Nato ha infatti annunciato falsamente che i russi avrebbero invaso l'Ucraina, mentre, secondo le informazioni del Drm (servizi segreti francesi) non vi era alcuna evidenza a sostegno di questa ipotesi".

          E sulla questione ucraina il Generale non ha usato mezzi termini: "Dalle nostre osservazioni era chiaro che i russi non avevano mai dispiegato alcun comando o logistica - compresi ad esempio ospedali da campo -, come nessun battaglione di movimento, tali da poter prendere in considerazione un inizio di invasione militare. La realtà dei fatti ha dimostrato che avevamo ragione. Se poi dei soldati russi sono stati effettivamente visti al di là del confine ucraino è stato più che altro uno stratagemma per far pressione sul presidente ucraino Poroshenko che un tentativo di invasione".


           Fonte:
          http://www.almanar.com.lb/french/adetails.php?eid=230558&cid=19&fromval=1&frid=19&seccatid=438&s1=1
          riportata dal giornale:
          http://www.ilgiornale.it/news/mondo/i-servizi-segreti-francesi-accusano-stati-uniti-menzogne-1115886.html

            Offline Lisi

            • Gianfranco Zola
            • **
            • Post: 1265
            • Karma: 20
            • Squadra del cuore:
            « Risposta #650 il: Aprile 17, 2015, 20:10:24 pm »
            Europa, abbiamo un problema. Tre dissidenti uccisi in casa negli ultimi giorni, in aggiunta a una lista sempre più lunga. Ucraina, cuore nero dell'Europa

            In Ucraina i nazisti danno una caccia spietata e assassina agli oppositori più eminenti, con un una cadenza sempre più intensa. Appena nelle ultime 72 ore sono tre le personalità uccise in agguati ben organizzati, vere esecuzioni, con un messaggio inequivocabile: vi ammazziamo casa per casa.



            Nomi pesanti: Oles Buzina, un giornalista molto noto, assai efficace in televisione, ucciso davanti a casa dopo mesi di minacce; Oleg Kalashnikov, un ex deputato, freddato sull'uscio; Sergej Sukhobok, un altro operatore dell'informazione che gestiva un sito e un giornale indipendenti. Tutti personaggi troppo fastidiosi per il regime di Kiev nel suo momento più delicato.

            Il giornalismo occidentale non si è ancora accorto che siamo di fronte a una svolta politica drammatica. Il blocco di potere ucraino vuole risolvere le sue enormi difficoltà eliminando fisicamente le voci contrarie perché troppo pericolose in questa fase. Il regime non vuole permettersi nessun contropotere che gli possa far pagare il prezzo dei suoi gravi insuccessi militari e finanziari, né vuole che maturino vie alternative alla crisi permanente delle istituzioni ucraine. Ha in mano uno Stato indebolito, predato da appetiti locali, atlantici e polacchi, incapace di chiudere il cerchio della divisione etnica che esso stesso ha fomentato, privo di risorse che assicurino un futuro credibile a una qualsiasi azione di governo, già nei prossimi mesi.

            In questo quadro esplode del tutto apertamente il nazismo, cioè quel che le istituzioni europee, i governi, il giornalismo occidentale, la maggior parte dei politici e degli intellettuali, tappandosi occhi e orecchie e forse anche il naso, non avevano voluto percepire come elemento costitutivo dell'indigesto pasticcio ucraino. Oggi non ci sono più scuse, nel momento che i dirigenti ucraini fanno a gara per esprimere dichiarazioni di giubilo e commenti del tipo "se lo è meritato" (come riferisce oggi la Repubblica a pag. 19).

            Eppure i segnali c'erano tutti, sin dal momento in cui le proteste di Euromajdan sono state totalmente egemonizzate in funzione di un colpo di Stato che ha rovesciato un governo regolarmente eletto, mentre alla guida degli apparati repressivi si insediavano esponenti di partiti nazisti. Le testate occidentali minimizzavano: "i nazisti-nazisti prendono pochi voti", dicevano. E a molti ciò sembrava una garanzia sufficiente. Non avevano voluto capire che quella minoranza determinata era l'ingrediente fondamentale del nuovo regime: nella polizia, nei servizi segreti, negli unici reparti delle forze armate non soggetti a diserzioni di massa e pertanto lasciati liberi di compiere massacri e crimini di guerra, da Odessa al Donbass, sotto l'occhio benevolo degli addestratori NATO.

            Tutta l'ideologia ufficiale del nuovo regime è stata conformata a una dose crescente di valori e metodi nazisti, in modo inesorabile, con la copertura decisiva degli USA e l'acquiescenza codarda degli europei.

            Non è un caso che ora gli assassini nazisti lavorino di più. Si sta infatti avvicinando il 70° anniversario della sconfitta del nazismo durante la Seconda guerra mondiale, e le solenni celebrazioni previste avrebbero messo comunque a nudo la loro natura. In una situazione normale non ci sarebbe posto per i nazisti e nessuna narrazione potrebbe assegnare loro un ruolo compatibile con l'Europa post-1945.

            Perciò hanno dapprima forzato ogni forma di revisionismo storico ufficiale, elevando le castronerie nazistoidi a nuova verità di Stato (il premier Yatsenyuk dichiara alla tv tedesca che «l'Unione Sovietica invase Ucraina e Germania durante la seconda guerra mondiale. Dobbiamo evitare che si ripeta»), poi hanno inserito il revisionismo come premessa della nuova legislazione che mette fuori legge il partito comunista, infine hanno moltiplicato le relazioni incrociate con il nuovo "cuore nero" dell'Europa, che batte sul Baltico, dove si cumulano i revanscismi e le ambizioni territoriali della Polonia, le sfilate di nazisti in Estonia e Lettonia, l'espansione delle attività permanenti della NATO a un passo dalla Russia e fin dentro l'Ucraina stessa.

            Si tratta di una miscela politica pericolosissima - pronta a espandersi in un territorio vasto e composito in seno all'Europa - e inevitabilmente portata a generare fortissime opposizioni e profonde revisioni della postura nucleare di Mosca. A Kiev non basta più la sfilza di strani suicidi e incidenti che hanno eliminato dalla scena sette politici di opposizione solo da gennaio in qua, cui si aggiungono almeno altri otto dissidenti eliminati. Non basta più uccidere tanti giornalisti, chiudere canali televisivi, ritirare in massa gli accrediti giornalistici ai "filo-russi".

            Ora si gioca a carte più scoperte, si uccide con un messaggio. I giornalisti sono nel mirino, proprio nel momento in cui i nazisti stanno migliorando le loro carriere, ormai azionisti di riferimento di quella nuova forma di Europa non più antinazista tanto cara alla sottosegretaria USA Victoria Nuland. Nessun quotidiano italiano oggi racconta questa mattanza in prima pagina, e questo "sopire e troncare" ci consente di misurare il diverso peso che invece fu dato alle pallottole che colpirono la redazione di Charlie Hebdo a Parigi e l'agnello sacrificale Boris Nemtsov a Mosca.

            Lo scandalo trova posto solo a pagina 19, dove finalmente riescono a disgustarsi per le dichiarazioni di Anton Gerashenko, consigliere del ministro dell'interno ucraino, che sul suo sito fa scrivere di Buzina: «bersaglio annichilito». Lo stesso sito che tre giorni fa pubblicava una lista di proscrizione con gli indirizzi dei dissidenti, compresi gli ultimi tre "bersagli annichiliti", incluso Oleg Kalashnikov.

            Certo, suonerebbe strano dire "Je suis Kalashnikov". Ma suona strano anche dire soltanto "Je suis Charlie", o "Je suis Nemtsov", e fermarsi lì, dove in troppi si fermano. Tra l'altro, nella mattanza di Kiev, i delitti politici sono molto più leggibili, abbastanza da togliere alibi a quei larghi settori delle élites occidentali che si sono fin qui schierate (tranne significative e lodevoli eccezioni, specie in Germania) con il buco nero neonazista di Kiev.

            Pino Cabras

            Fonte: http://megachip.globalist.it

            Link: http://megachip.globalist.it/Detail_News_Display?ID=118505&typeb=0&Je-suis-Kalashnikov-I-delitti-politici-in-una-Kiev-sempre-piu-nazista

            17.04.2015

            I media di regime sono talmente invaghiti del governo ucraino post-Maidan che qualsiasi cosa negativa, inclusa una serie di misteriose morti di politici anti-Maidan, viene ignorata.

            In seguito all’omicidio di Boris Nemtsov a Mosca il 27 febbraio, l’Occidente se l’é goduta. Passando dalle forti allusioni alle aperte accuse di assassinio politico diretto dal Cremlino, media e politici occidentali non hanno perso l’opportunità per trattare il presidente russo come un punching ball.

            Il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione che chiede un’indagine internazionale della morte di Nemtsov e suggerisce che l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, il Consiglio Europeo, e le Nazioni Unite dovrebbero avere un ruolo nell’inchiesta.

            I senatori USA John McCain e Lindsey Graham hanno presentato una Risoluzione del Senato che condanna l’omicidio di Nemtsov. La Risoluzione chiamava anche il presidente Obama e la comunità internazionale a richiedere un’investigazione indipendente dell’omicidio ed a moltiplicare gli sforzi per promuovere la libertà di parola, i diritti umani e lo stato di diritto in Russia.

            Inoltre incitava Obama a continuare a sanzionare coloro i quali violano i diritti umani nella Federazione Russa e ad aumentare il sostegno statunitense agli attivisti per i diritti umani in Russia.

            E’ così si é proseguito…in tutto l’Occidente.

            Nel frattempo, durante lo stesso periodo in Ucraina, al di fuori dell’area filo-russa del sud-est, veniva riportato quanto segue:

            29 gennaio: l’ex presidente del governo locale della regione di Kharkov, Alexey Kolesnik, si é impiccato.
            24 febbraio: il sindaco di Melitopol, Sergey Valter, si é impiccato poche ore prima del suo processo.
            26 febbraio: Alexander Bordiuga, vicedirettore della polizia di Melitopol, é stato trovato morto nel suo garage.
            26 febbraio: Alexander Pelushenko, ex membro del parlamento Ucraino ed ex sindaco di Zaporozhe, é stato trovato ucciso da colpi di arma da fuoco.
            28 febraio: Mikhail Chechetov, ex membro del parlamento, membro del partito di opposizione (Partia Regionov), “è caduto” dalla finestra del suo appartamento al diciassettesimo piano, a Kiev.
            14 Marzo: l’ex pubblico ministero di Odessa, il trentaduenne Sergey Melnichuk, “è caduto” fatalmente dal nono piano.

            Il Partito delle Regioni (Partia Regionov) ha accusato direttamente il governo ucraino per le morti dei suoi membri e fatto appello all’Occidente perché reagisca a questi eventi. “Ci rivolgiamo all’Unione Europea, all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa, ed alle organizzazioni per i diritti umani europee ed internazionali perché reagiscano immediatamente alla situazione in Ucraina, e diano una valutazione legale delle azioni criminali del governo ucraino, che uccide cinicamente i propri avversari politici”.

            Da quanto sopra non possiamo concludere che il governo ucraino sia responsabile per tutte queste morti, neanche per una sola. Ma non possiamo nemmeno concludere che il governo russo sia responsabile per la morte di Boris Nemtsov, a dispetto di media e politici statunitensi.

            Una ricerca nell’enorme database informativo Nexus non ha trovato alcuna menzione dei morti ucraini, ad eccezione dell’ultimo, Sergey Melnichuk, ma chiaramente non si trattava della stessa persona. Pare quindi che nessuna delle morti nella lista qui sopra sia stata ascritta al governo ucraino filo-occidentale.
            « Ultima modifica: Aprile 17, 2015, 20:11:58 pm da Lisi »

              Online andreab1926

              • Diego Armando Maradona
              • *****
              • Post: 56459
              • Karma: 2729
              • Squadra del cuore:
              « Risposta #651 il: Marzo 12, 2022, 09:27:06 am »
              :shhlook:

              Inviato dal mio ANE-LX1 utilizzando Tapatalk


                Online andreab1926

                • Diego Armando Maradona
                • *****
                • Post: 56459
                • Karma: 2729
                • Squadra del cuore:
                « Risposta #652 il: Marzo 12, 2022, 09:44:24 am »


                Si chiama guerra fredda. Popo quella, siamo tornati nel 900.

                Putin non permetterà mai all'occidente, e agli USA di arrivare fino in Ucraina, dove la Russia ha interessi non solo economici e militari (nel mar nero la Russia ha una flotta strategica enorme, e il paese è determinante per la gestione dei flussi di gas con i quali Putin ci tiene per le palle), ma anche politici: Putin non ha mai digerito il crollo e lo smembramento dell'URSS e ora sta tentando di ricreare la federazione con una unione economica e doganale con le repubbliche ex-sovietiche. La Russia già si è fatta fregare i paesi baltici quando era troppo debole, ma ora la situazione si è ribaltata. USA ed Europa difficilmente si prenderanno l'Ucraina.

                La saggezza di Ukbuzz che era evidente giá anni addietro

                ma po non ho capito perchè putin sarebbe sempre il cattivo :look:

                cioè gli usa fanno una politica imperialista da sempre e mo vorrebbero cagare il cazzo :look:
                Barto il filo Putin :look:

                Inviato dal mio ANE-LX1 utilizzando Tapatalk


                  Online il vile popolino

                  • Diego Armando Maradona
                  • *****
                  • Post: 86359
                  • Karma: 552
                  • Squadra del cuore:
                  « Risposta #653 il: Marzo 12, 2022, 09:49:59 am »
                  Andrè, e nu caca o cazz cu stu necroposting. :look:

                     

                    SimplePortal 2.3.7 © 2008-2022, SimplePortal