Benvenuto, Ospite. Effettua il login oppure registrati.

Topic: Il confine sottile tra leggenda e meteora: Kazu Miura  (Letto 517 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.


Offline Abi

  • Degustatore di ananassi
  • Diego Armando Maradona
  • *****
  • Post: 32532
  • Karma: 99
  • Sesso: Maschio
  • Squadra del cuore:
« il: Dicembre 19, 2014, 18:31:39 pm »
Condividi
GIAPPONE, Kazuyoshi Miura non smette: 48 anni ed un nuovo contratto con Yokohama
Kazuyoshi Miura ha accettato di estendere il suo contratto per un’altra stagione in seconda divisione allo Yokohama, con l’ex attaccante del Genoa che passerà il suo 48esimo compleanno ancora tra i campi di calcio.
Già riconosciuto come il più vecchio giocatore professionista attivo, Miura questa settimana ha messo mano alla penna per firmare un nuovo accordo, dopo le quattro apparizioni nell’ultima stagione.
Conosciuto come ‘King Kazu’ in patria, ha goduto di una brillante carriera da quando ha firmato per il Santos nel 1986. Miura è diventato il primo giocatore giapponese ad essere tesserato in Serie A, quando nel 1994 venne preso in prestito dal Genoa, completando il quadro con 89 presenze e 55 gol in nazionale prima di ritirarsi nel 2000.
Non essendo riuscito ad ottenere il trasferimento al Bournemouth, nel 2005 ha affiancato l’ex attaccante del Manchester United Dwight Yorke nel Sydney FC, il che significa che ha giocato per i club di quattro diversi continenti.
Il portiere del Tottenham Brad Friedel (43 anni) è il giocatore più anziano attualmente tra i club professionistici in Inghilterra, pronto ad acciuffare John Burridge, detentore del record di anzianità in Premier League per il suo trascorso con il Manchester City – nel 1995 – all’età di 43 anni e 162 giorni.
In Italia è Marco Ballotta, ex portiere della Lazio, ad aver raggiunto tale risultato, con l’ultima presenza avvenuta nel maggio del 2008 all’età di 44 anni e 38 giorni. Quasi insignificante in confronto a Salvador Reyes. L’ex attaccante del Messico aveva 71 anni quando è stato onorato dal Chivas che nel 2008 gli permise di battere il calcio d’inizio prima di essere immediatamente sostituito.


Il confine tra leggenda e meteora, tra campione e bidone, lo si immagina sempre come netto e perfettamente delineato: qualcosa di oggettivo, su cui non si discute. Se sai trattare il pallone, se sai fare il tuo mestiere di calciatore nel modo giusto, puoi ambire ad un ruolo da protagonista tra le stelle del calcio; se invece sei scarso ti devi rassegnare a finire ben presto nel dimenticatoio. Troppo semplice, troppo superficiale. Kazuyoshi Miura è una leggenda, è il Giappone calcistico personificato, ed al contempo è stato meteora in Italia: leggenda poiché vero simbolo della crescita del movimento calcistico giapponese, meteora poiché protagonista soltanto per una stagione in Serie A, condita dalla miseria di una sola rete (anche se pesante più che mai, nel derby della Lanterna). Il calcio è nel DNA di Kazuyoshi, o Kazu come ha sempre preferito farsi chiamare: la storia di un ragazzino giapponese che parte da Shizuoka insieme al fratello maggiore per raggiungere il Brasile, la patria della passione calcistica, è già di per sé un film, un’avventura straordinaria. Un quindicenne armato di un sogno e di tanta volontà, di desideri troppo grandi per un Paese come il Giappone che, nei primi anni ’80, non viveva ancora il calcio come qualcosa di serio, di popolare. Qualcosa iniziava a muoversi, ed è curioso pensare alla parabola fumettistica di Holly Hutton, volato come Miura in Brasile per interiorizzare i segreti del calcio, per assorbire il talento. Il Brasile fu una tappa dura, una strada in salita: otto anni trascorsi lontano anni luce dal suo Giappone, in panchina, distante dal palcoscenico tanto agognato.

"Dopo avere visto all' opera Juve, Inter e Milan mi sono detto che dovevo venire qui per misurarmi con i campioni più forti e realizzarmi come calciatore: i soldi contano fino a un certo punto"
- Kazu Miura al suo arrivo in Italia

    Online Yavonz™

    • Diego Armando Maradona
    • *****
    • Post: 61299
    • Karma: 712
    • Sesso: Maschio
      • CalcioNapoli24forum
    • Squadra del cuore:
    « Risposta #1 il: Gennaio 03, 2015, 15:29:31 pm »
    Mi harba... :mazzarri:

      Online Tyrion

      • Degustatore di ananassi
      • Diego Armando Maradona
      • *****
      • Post: 37057
      • Karma: 266
      • Sesso: Maschio
      • Squadra del cuore:
      « Risposta #2 il: Gennaio 03, 2015, 17:26:58 pm »
      A Ballotta ancora gli mando le jastemme nguoll

         

        SimplePortal 2.3.7 © 2008-2023, SimplePortal