CalcioNapoli24 Forum - Il forum dal cuore azzurro

Home| Register | Accedi

Accedi

Nome utente:

Password:

S.S.C. Napoli 1926 > Diego Armando Maradona [D10S]

<< < (18/21) > >>

image Samoth:
Squadra del cuore:
Ottobre 30, 2020, 08:32:41 am

Auguri D10S

Inviato dal mio Redmi 7 utilizzando Tapatalk

image Yavonz™:
Squadra del cuore:
Ottobre 30, 2020, 09:24:29 am

:allahsi3:

image Abi:
Squadra del cuore:
Ottobre 30, 2020, 11:42:58 am

Vabbuò, che dirti... TANTI AUGURI. E GRAZIE DI ESISTERE *_*

image OisselaAzzurro:
Squadra del cuore:
Ottobre 30, 2020, 11:46:27 am

Auguri Capitano!!  :love:

image gentlemen:
Squadra del cuore:
Ottobre 30, 2020, 12:52:52 pm

Una delle fortune della mia vita da Tifoso del Calcio è sicuramente quella di aver potuto vivere al Tempo del Dio del Calcio, di averlo visto giocare dal vivo....sì, perchè Diego Armando MARADONA per me è il Dio del Calcio, pur sapendo che il CALCIO, questo sport e soprattutto fenomeno sociale globale, eternamente emozionale, di Campioni ne ha avuti tanti, Di Stefano, Puskas, Valentino Mazzola, Rivera, Best, Cruyff, Platini....quello che più gli si avvicina, o meglio colui che è considerato una Divinità Calcistica, è Pelè, O'Rey, ma DIEGO appartiene ad una categoria unica, come unica è stata la sua parabola nel calcio.
Unico perchè, a differenza dei tanti campionissimi, oltre ad esprimere un talento calcistico ed una confidenza con la "pelota" mai vista, Maradona è sempre stato dall'altra parte della barricata: un Leader indiscusso, un Leader rivoluzionario, dalla parte di quelli che dovevano perdere, dei più deboli, sfidava i potenti, i più forti, li sfidava apertamente, con la peculiarità che dopo averli battuti veniva dagli stessi ammirato e rispettato, perchè Diego era amato e rispettato non solo dai suoi compagni di squadra, ma anche e soprattutto dagli avversari, perchè incarnava i valori sportivi nel profondo, difficilmente, mai, si accaniva con i più deboli o i meno dotati calcisticamente, anzi li consolava ed esortava a migliorarsi, dedicando tanto agli altri più di quanto facesse con se stesso.
Una volta Lui, il più grande di tutti, accettò di fare riscaldamento in un parcheggio antistante il campo di calcio, in terra battuta, di Acerra, un comune dell'hinterland napoletano, durante una amichevole per beneficenza, giocando sul fango ed impegnandosi al massimo (video che si trova facilmente in rete)....questo era Maradona....IL CALCIO PER TUTTI....ma soprattutto per i più poveri ed i più deboli....perchè Diego non ha mai dimenticato chi fosse e da dove veniva, i suoi guadagni li ha usati per i suoi vizi e le sue passioni, non per trasformarsi in qualcosa di diverso, non è mai stato un VIP, benché ricco ha utilizzato per fare quello che un povero farebbe con i soldi, senza cercare consenso o approvazione, ha vissuto con passione e sfrontatezza, come i solo gli artisti ed i geni fanno, come ha fatto Mozart, né più né meno, sfidando i moralisti ed i perbenisti, tanta gente che lo giudicava ma che in fondo invidiava la sua vitalità e la sua strafottenza, frutto della sua immensa personalità.
Il Dio del Calcio che ha nobilitato il calcio ma che allo stesso tempo ne ha sfidato le istituzioni, dalla FIFA, all'AFA (federazione Argentina), all'UEFA.....Diego non ha mai voluto padroni, e Ferlaino ne sa qualcosa....
Ha trascinato una modesta Argentina, ce ne erano state di più forti prima, alla vittoria mondiale nel 1986, ma soprattutto ha guidato il riscatto morale e calcistico di Napoli e del Sud-Italia, da Leader indiscusso, e sempre sul rettangolo verde....ma Diego è stato grande non solo nelle tantissime vittorie, ma anche nelle sconfitte, non si è mai nascosto, anche quando nel 1990 gli fu rubato letteralmente un Mondiale...poteva vincere in casa nel 1978, poteva farlo nel 1994, quella sì che era una Argentina stellare...ma il destino di un Leader rivoluzionario non è aiutare chi è già forte, ma condurre al trionfo Storico chi non lo è.
Non è una coincidenza che il peggior Maradona, anche per come lui stesso si è sentito, si è avuto nei 2 anni a Barcellona, una squadra già forte....non era il suo terreno, il suo popolo....ecco perchè è stato il più grande.
Provate a far capire ad un ragazzo che segue il calcio attuale che Maradona, già considerato il più grande al mondo, andando a giocare nel Napoli nel 1984 è come se oggi Messi rompesse con la società del Barcellona per andare a giocare nel Torino o nel Bologna, non ci sarebbe da aggiungere altro.
Chi ha avuto la fortuna di vivere a Napoli in quei 7 anni magici sa benissimo cosa Maradona ha significato e cosa sia stato....la mia Passione e l'Amore immenso per il Calcio non possono non considerare Diego Armando Maradona la mia divinità laica, l'emozione calcistica pura.
Orgoglioso e felice di averlo potuto vivere, Grazie per le Emozioni, Auguri Diego !!!!

1 ... 16 17 [18] 19 20 21   Vai su

Navigation

Message Index

Next page

Previous page

Vai alla versione completa