CalcioNapoli24 Forum - Il forum dal cuore azzurro

All off => Off topic - La Scugnizzeria => Topic aperto da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 14:00:40 pm

Titolo: Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 14:00:40 pm
Mettiamo il caso che io voglia pagare una persona che lavora per me in figurine rare. La persona accetta perchè sa che quelle figurine che sta raccogliendo a fine mese valgono più di 1000€ se le vendi su ebay.

E' legale?  :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: ABRAXAS_KMS_PANDA - Settembre 07, 2017, 14:20:10 pm
il primo caso cioè tu che gli dai le figurine è un accordo tra privati e quindi non penso che ti cachino il cazzo, nel successivo caso se le vende saltuariamente non è nulla se le vende ogni mese perchè tu gliele dai ogni mese deve aprire una P.IVA e pagarci le tasse

se è una domanda camuffata per pagare qualcuno in Bitcoin penso che lo può fare tranquillamente, ma lascio la parola ai giuristi del forum....e seguo con curiosità
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 14:36:20 pm
il primo caso cioè tu che gli dai le figurine è un accordo tra privati e quindi non penso che ti cachino il cazzo, nel successivo caso se le vende saltuariamente non è nulla se le vende ogni mese perchè tu gliele dai ogni mese deve aprire una P.IVA e pagarci le tasse

se è una domanda camuffata per pagare qualcuno in Bitcoin penso che lo può fare tranquillamente, ma lascio la parola ai giuristi del forum....e seguo con curiosità

Vorrei creare un token che permette letteralmente di assumere persone aggirando completamente tutte le regolamentazioni in materia. Una specie di nero 2.0.

Sicuramente, siccome un token non è accettato come valuta dallo stato, finchè non cambi in soldi veri le tasse non esistono (così come i contributi, ferie pagate, malattia, liquidazioni). Vorrei capire però se questo tizio che "assumo" solo perchè si trova nel luogo di lavoro magari deve essere registrato agli occhi dello stato anche se non viene pagato con denaro reale.
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: ABRAXAS_KMS_PANDA - Settembre 07, 2017, 14:43:53 pm
Già è una cosa totalmente diversa, se è un lavoro continuativo devi sottostare a tante regole e poi ammesso che tu possa pagarlo con il token dove se lo spende? se lo cambi con gli euro chi li cambia e a che cambio, chi controlla e chi certifica le transazioni?

per un' azienda che fa promozione commerciale io pure feci una cosa simile assimilando "punti" ad euro e creando un cambio variabile punto/euro se il negoziante avesse voluto riscattare i punti all'azienda madre; un macello. il motivo è quello che hai accennato: il nero, fino a che non diventano soldi fotte un cazzo  a nessuno dopo diventa veramente ingestibile.


Però non amo essere disfattista e dire no non si può fare, magari hai avuto un'idea geniale ma la vedo di difficile  applicazione anche col fatto del lavoro.
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 14:47:57 pm
Già è una cosa totalmente diversa, se è un lavoro continuativo devi sottostare a tante regole e poi ammesso che tu possa pagarlo con il token dove se lo spende? se lo cambi con gli euro chi li cambia e a che cambio?

per un azienda che fa promozione commerciale io pure feci una cosa simile assimilando "punti" ad euro e creando un cambio variabile punto/euro se il negoziante avesse voluto riscattare i punti all'azienda madre; un macello. il motivo è quello che hai accennato: il nero, fino a che non diventano soldi fatte un cazzo  a nessuno dopo diventa veramente ingestibile.

Potresti cambiare in euro su un qualsiasi exchange o sul nostro sito magari. Il problema se vuoi o non vuoi pagare tasse dipende solo da te che stai cambiando io euro, io che ti verso il token non ho nessun obbligo in materia.

Il problema è come si definisce questo agli occhi dello stato? Io non sto realmente pagando nessuno, quindi non credo possa essere definito un "lavoro" vero e proprio...
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: ABRAXAS_KMS_PANDA - Settembre 07, 2017, 14:51:07 pm
Potresti cambiare in euro su un qualsiasi exchange o sul nostro sito magari. Il problema se vuoi o non vuoi pagare tasse dipende solo da te che stai cambiando io euro, io che ti verso il token non ho nessun obbligo in materia.

Il problema è come si definisce questo agli occhi dello stato? Io non sto realmente pagando nessuno, quindi non credo possa essere definito un "lavoro" vero e proprio...

così a naso ti dico che se si poteva fare molte aziende avrebbero volentieri pagato a Kg di banane per poi "cambiarle" dopo credo che nel momento in cui assumi qualcuno devi sempre pagare, che lo paghi a banane o a bitcoin o a token

a corredo:

Ai rapporti di lavoro subordinato di qualsiasi tipo trova applicazione il principio costituzionale, contenuto nell’art. 36, comma 1, Cost., secondo cui la retribuzione deve essere proporzionale alla quantità ed alla qualità del lavoro prestato e, comunque, sufficiente ad assicurare al lavoratore ed alla sua famiglia un’esistenza libera e dignitosa.
La retribuzione stabilita dai contratti collettivi è ritenuta, di regola, conforme al principio suesposto.


Retribuzione in natura
L’art. 2099, comma 3, cod. civ., prevede inoltre che il datore di lavoro ed il lavoratore possono stabilire che la retribuzione sia costituita, anzichè da denaro, da prestazioni in natura, quale la concessione del vitto e dell’alloggio o prevedere l’attribuzione di una quota dei prodotti raccolti o trasformati.
Nella retribuzione in natura rientrano anche altri benefici attribuiti dalle aziende ai loro dipendenti o solo a taluni di essi.
La casistica al riguardo è vastissima e va dagli omaggi alla possibilità di utilizzare mezzi di trasporto aziendali, dalla predisposizione del servizio mensa alla partecipazione a convegni o viaggi premio, all’attribuzione di prestazioni previdenziali o assistenziali integrative delle forme obbligatorie, all’offerta di beni o servizi aziendali a condizioni agevolate, all’iscrizione a corsi di aggiornamento professionale.
Ricordiamo che sulla natura retributiva o meno di tali attribuzioni è in atto da tempo un vasto contenzioso soprattutto sotto il profilo dell’adempimento degli obblighi contributivi e fiscali.
Ovviamente una valutazione in questo senso non può prescindere da un esame caso per caso in ordine alla finalità dell’attribuzione, alla sua rilevanza economica, alla funzionalità dell’attribuzione stessa rispetto alle mansioni esplicate o esplicabili dal lavoratore, nonchè alla regolamentazione specifica legale e/o contrattuale eventualmente applicabile nelle singole fattispecie.
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 14:57:15 pm
così a naso ti dico che se si poteva fare molte aziende avrebbero volentieri pagato a Kg di banane per poi "cambiarle" dopo credo che nel momento in cui assumi qualcuno devi sempre pagare, che lo paghi a banane o a bitcoin o a token

Ma io non voglio contrattualizzare nessuno, lui non ha obblighi verso di me come io non ne ho verso di lui. Sarebbe una sorta di volontariato con "premio" diverso dal denaro. Io credo sia possibile.

edit: ho letto adesso il resto, sono più confuso di prima  :asd:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: ABRAXAS_KMS_PANDA - Settembre 07, 2017, 14:59:34 pm
Si fino a lì si.. mi trovi pure d'accordo ma alla fine poi come cambia il tipo?
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 15:01:56 pm
Si fino a lì si.. mi trovi pure d'accordo ma alla fine poi come cambia il tipo?


Ci sono molti servizi che offrono blockchain "belle e fatte" e molti exchange che accettano qualsiasi tipo di token. per dirti esiste useless coin fatto per pariare e oltre ad aver raccolto 10'000$ di donazioni puoi comprarlo e venderlo quando ti pare
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: ABRAXAS_KMS_PANDA - Settembre 07, 2017, 15:03:55 pm
Mmmmm ripeto seguo con curiosità.

Inviato dal mio SM-N910F utilizzando Tapatalk

Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Chef Culapierto - Settembre 07, 2017, 15:24:45 pm
E' lavoro nero ed evasione fiscale, semplicemente. :look:
Tu devi pagare le tasse sul lavoro dipendente, lui deve pagare le tasse sul reddito. Se la cosa è molto limitata e saltuaria nessuno ti sgamerà mai, ma se pensi di avere dei dipendenti fissi e pagarli ogni mese così puoi aspettarti di tutto.
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 15:32:41 pm
Un token non ha e non può avere valore fiscale, è come se ti dessi in premio i bollini del benzinaio, si pagano i contributi su quelli?  :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: IoAmo - Settembre 07, 2017, 15:39:08 pm
d'altronde fanno tirocini formativi con buoni pasto solo, e non sono tassati. ma penso che siano regolamentati in qualche modo
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Ford Perfect - Settembre 07, 2017, 15:56:35 pm
non puoi farlo per il semplice fatto che se si potesse "scambiare" lavoro con token userebbero i ticket restaurant, che sono anche scaricabili.
il "problema" è che se fai lavorare qualcuno devi pagargli anche la parte assicurativa e previdenziale, piccole cose puoi ovviamente scappottare, ma se ti sgamano è punibile esattamente come è punibile il nero, non è che se la cassiera dice che è tua nipote e lavora gratis la finanza te la fa buona :boh:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 16:04:07 pm
non puoi farlo per il semplice fatto che se si potesse "scambiare" lavoro con token userebbero i ticket restaurant, che sono anche scaricabili.
il "problema" è che se fai lavorare qualcuno devi pagargli anche la parte assicurativa e previdenziale, piccole cose puoi ovviamente scappottare, ma se ti sgamano è punibile esattamente come è punibile il nero, non è che se la cassiera dice che è tua nipote e lavora gratis la finanza te la fa buona :boh:

Eppure:

Nella retribuzione in natura rientrano anche altri benefici attribuiti dalle aziende ai loro dipendenti o solo a taluni di essi.
La casistica al riguardo è vastissima e va dagli omaggi alla possibilità di utilizzare mezzi di trasporto aziendali, dalla predisposizione del servizio mensa alla partecipazione a convegni o viaggi premio, all’attribuzione di prestazioni previdenziali o assistenziali integrative delle forme obbligatorie, all’offerta di beni o servizi aziendali a condizioni agevolate, all’iscrizione a corsi di aggiornamento professionale.
Ricordiamo che sulla natura retributiva o meno di tali attribuzioni è in atto da tempo un vasto contenzioso soprattutto sotto il profilo dell’adempimento degli obblighi contributivi e fiscali.
Ovviamente una valutazione in questo senso non può prescindere da un esame caso per caso in ordine alla finalità dell’attribuzione, alla sua rilevanza economica, alla funzionalità dell’attribuzione stessa rispetto alle mansioni esplicate o esplicabili dal lavoratore, nonchè alla regolamentazione specifica legale e/o contrattuale eventualmente applicabile nelle singole fattispecie.

----------------------------------

Beh ma voi lo immaginate come un lavoro dipendente ma non è così. I token rappresentano a tutti gli effetti uno "share" della società, il valore dei suddetti infatti sale con il salire del valore dell'azienda. Se sei mio socio non sei mio dipendente e oltre allo share che ho deciso di "cederti" non hai diritto a niente. Poi se tu vuoi tenerli, cambiarli in soldi o regalarli a tua nonna quello è un problema tuo. Io la quota te l'ho ceduta.
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: nuri537 - Settembre 07, 2017, 16:07:50 pm
Quindi sarebbe la creazione di un'azienda con soci di minoranza e non dipendenti. È una cosa interessante da esplorare bisognerebbe capire la legislazione a riguardo.

Sent from my WAS-LX1A using Tapatalk

Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Ford Perfect - Settembre 07, 2017, 16:09:45 pm
Eppure:

Nella retribuzione in natura rientrano anche altri benefici attribuiti dalle aziende ai loro dipendenti o solo a taluni di essi.
La casistica al riguardo è vastissima e va dagli omaggi alla possibilità di utilizzare mezzi di trasporto aziendali, dalla predisposizione del servizio mensa alla partecipazione a convegni o viaggi premio, all’attribuzione di prestazioni previdenziali o assistenziali integrative delle forme obbligatorie, all’offerta di beni o servizi aziendali a condizioni agevolate, all’iscrizione a corsi di aggiornamento professionale.
Ricordiamo che sulla natura retributiva o meno di tali attribuzioni è in atto da tempo un vasto contenzioso soprattutto sotto il profilo dell’adempimento degli obblighi contributivi e fiscali.
Ovviamente una valutazione in questo senso non può prescindere da un esame caso per caso in ordine alla finalità dell’attribuzione, alla sua rilevanza economica, alla funzionalità dell’attribuzione stessa rispetto alle mansioni esplicate o esplicabili dal lavoratore, nonchè alla regolamentazione specifica legale e/o contrattuale eventualmente applicabile nelle singole fattispecie.

----------------------------------

Beh ma voi lo immaginate come un lavoro dipendente ma non è così. I token rappresentano a tutti gli effetti uno "share" della società, il valore dei suddetti infatti sale con il salire del valore dell'azienda. Se sei mio socio non sei mio dipendente e oltre allo share che ho deciso di "cederti" non hai diritto a niente. Poi se tu vuoi tenerli, cambiarli in soldi o regalarli a tua nonna quello è un problema tuo. Io la quota te l'ho ceduta.

lo stato le tasse e i contributi non li accetta in natura. ed è a evitare quelli che punti col nero....
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Ford Perfect - Settembre 07, 2017, 16:10:45 pm
Quindi sarebbe la creazione di un'azienda con soci di minoranza e non dipendenti. È una cosa interessante da esplorare bisognerebbe capire la legislazione a riguardo.

Sent from my WAS-LX1A using Tapatalk



una specie di associazione. ma i soci di una società poi pagano contributi e tasse come individui, quindi alla fine la cosa non conviene
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 16:11:51 pm
una specie di associazione. ma i soci di una società poi pagano contributi e tasse come individui, quindi alla fine la cosa non conviene

non ho chiesto se a loro conviene o no, voglio sapere se mi arrestano  :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: nuri537 - Settembre 07, 2017, 16:12:57 pm
Anche per una società senza di fatto capitale sociale?

Sent from my WAS-LX1A using Tapatalk

Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Ford Perfect - Settembre 07, 2017, 16:26:51 pm
non ho chiesto se a loro conviene o no, voglio sapere se mi arrestano  :look:

in italia no, ma perchè per principio non arrestano nessuno :look:
però si incazzano assai e ti cercano un sacco di soldi :sisi:

Anche per una società senza di fatto capitale sociale?

Sent from my WAS-LX1A using Tapatalk



il motivo per cui tutti fanno l'associazione culturale e non la società senza capitali è che l'associazione culturale te la cavi con i rimborsi spesa e quindi non produci reddito e non devi aprire una posizione contributiva, cosa che altrimenti devi fare per qualsiasi altro reddito da dipendente o da professionista.
poi ogni cosa ha le sue specifiche e regole in più o in meno, ma sono inps e tasse a fare il problema, non il pagamento dello stipendio.
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 16:33:34 pm
poi ogni cosa ha le sue specifiche e regole in più o in meno, ma sono inps e tasse a fare il problema, non il pagamento dello stipendio.


seguimi

Se io faccio trading di bitcoin con 500€ e alla fine della giornata ho 1000€ di bitcoin, per lo stato italiano non ho guadagnato niente. Se dopo una settimana però ho venduto i miei bitcoin per una valuta reale, ed ho ritirato più di 500€ là scatta il guadagno e devo dichiararlo.

Allo stesso modo chi collabora con me non ha ottenuto guadagno finchè non cambia i suoi token in btc ed in seguito in euro. Ma a quel punto, quando cambia in euro, io sono già fuori, è una decisione sua. Non ti trovi?
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Chef Culapierto - Settembre 07, 2017, 16:38:23 pm
Un token non ha e non può avere valore fiscale, è come se ti dessi in premio i bollini del benzinaio, si pagano i contributi su quelli?  :look:
E che c'entra. :look: Tu lo puoi pagare anche in coriandoli, ma se quello che svolge per te è un lavoro dipendente i contributi li devi versare in soldi veri. :look:

Eppure:

Nella retribuzione in natura rientrano anche altri benefici attribuiti dalle aziende ai loro dipendenti o solo a taluni di essi.
La casistica al riguardo è vastissima e va dagli omaggi alla possibilità di utilizzare mezzi di trasporto aziendali, dalla predisposizione del servizio mensa alla partecipazione a convegni o viaggi premio, all’attribuzione di prestazioni previdenziali o assistenziali integrative delle forme obbligatorie, all’offerta di beni o servizi aziendali a condizioni agevolate, all’iscrizione a corsi di aggiornamento professionale.
Ricordiamo che sulla natura retributiva o meno di tali attribuzioni è in atto da tempo un vasto contenzioso soprattutto sotto il profilo dell’adempimento degli obblighi contributivi e fiscali.
Ovviamente una valutazione in questo senso non può prescindere da un esame caso per caso in ordine alla finalità dell’attribuzione, alla sua rilevanza economica, alla funzionalità dell’attribuzione stessa rispetto alle mansioni esplicate o esplicabili dal lavoratore, nonchè alla regolamentazione specifica legale e/o contrattuale eventualmente applicabile nelle singole fattispecie.

La parte in grassetto significa esattamente che se il benefit, il pagamento in natura, lo share, il vantaggio, sono semplicemente complementari alla retribuzione allora non ci sono problemi, ma se questi sostituiscono o prevalgono sulla retribuzione e quindi finiscono ad esserne un sostitutivo per eludere la tassazione allora si finisce nell'evasione fiscale.
----------------------------------

Beh ma voi lo immaginate come un lavoro dipendente ma non è così. I token rappresentano a tutti gli effetti uno "share" della società, il valore dei suddetti infatti sale con il salire del valore dell'azienda. Se sei mio socio non sei mio dipendente e oltre allo share che ho deciso di "cederti" non hai diritto a niente. Poi se tu vuoi tenerli, cambiarli in soldi o regalarli a tua nonna quello è un problema tuo. Io la quota te l'ho ceduta.
Questo è già diverso, tu all'inizio avevi scritto "io voglio pagare una persona che lavora per me" e questo si chiama lavoro subordinato ed è soggetto alle norme sul lavoro subordinato. Mò stai parlando di società e le società sono regolamentate da altre norme ancora. :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 16:41:01 pm
E che c'entra. :look: Tu lo puoi pagare anche in coriandoli, ma se quello che svolge per te è un lavoro dipendente i contributi li devi versare in soldi veri. :look:

La parte in grassetto significa esattamente che se il benefit, il pagamento in natura, lo share, il vantaggio, sono semplicemente complementari alla retribuzione allora non ci sono problemi, ma se questi sostituiscono o prevalgono sulla retribuzione e quindi finiscono ad esserne un sostitutivo per eludere la tassazione allora si finisce nell'evasione fiscale.
----------------------------------
Questo è già diverso, tu all'inizio avevi scritto "io voglio pagare una persona che lavora per me" e questo si chiama lavoro subordinato ed è soggetto alle norme sul lavoro subordinato. Mò stai parlando di società e le società sono regolamentate da altre norme ancora. :look:

sto cercando un modo per aggirare mo come lo chiami lo chiami  :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: ABRAXAS_KMS_PANDA - Settembre 07, 2017, 17:38:18 pm
sto cercando un modo per aggirare mo come lo chiami lo chiami  :look:

prestazione occasionale no? pare brutto?
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 17:40:04 pm
prestazione occasionale no? pare brutto?

non lo è

purtroppo al momento niente inquadra questa situazione quindi mi sa che devo cacciare le palle provarci e vada come deve andare
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: ABRAXAS_KMS_PANDA - Settembre 07, 2017, 17:41:02 pm
ma qual'è la situazione? non è che ci hai fatto capire bene
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 17:46:30 pm
ma qual'è la situazione? non è che ci hai fatto capire bene

nemmeno io ho le idee tanto chiare a dire la verità  :asd:

vorrei fare né più ne di meno un'agenzia interinale e far offrire alle nuove start-up o piccole aziende pagamenti in bitcoin/token ai propri dipendenti attraverso la nostra piattaforma

mo io dico "dipendenti" ma non essendo il bitcoin regolamentato in niente uno non è tuo dipendente nè un sottoposto. Lavoro libero in un mercato libero.
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Ford Perfect - Settembre 07, 2017, 19:55:18 pm

seguimi

Se io faccio trading di bitcoin con 500€ e alla fine della giornata ho 1000€ di bitcoin, per lo stato italiano non ho guadagnato niente. Se dopo una settimana però ho venduto i miei bitcoin per una valuta reale, ed ho ritirato più di 500€ là scatta il guadagno e devo dichiararlo.

Allo stesso modo chi collabora con me non ha ottenuto guadagno finchè non cambia i suoi token in btc ed in seguito in euro. Ma a quel punto, quando cambia in euro, io sono già fuori, è una decisione sua. Non ti trovi?

ni, intanto perchè il tipo se c'addà pavà e tass vuole anche le relative tutele, a livello pratico. secondo, e più importante, è che se ti sgamano ti scassano il cazzo lo stesso poi prova a dimostrare che tenevi ragione....
un esempio sono tutti gli italiani secutati nonostante la residenza all'estero, intanto so stati secutati con tanto di cartella, poi ti opponi, ti scanni, ti appiccichi, ma alla fine devi pagare perchè non potrai mai dimostrare di non averlo fatto per fregare il fisco. purtroppo la burocrazia italiana così è, non hanno l'onere della prova che li ha fottuti, gli basta il sospetto
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Gran Seola - Settembre 07, 2017, 21:12:35 pm
Ma pijatev scuorn
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: frankie - Settembre 07, 2017, 21:52:32 pm
Na volta si portava il "ti pago in visibilità" mo si portano i bitcoin :look:

Inviato dal barbiere di Fellaini

Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Ford Perfect - Settembre 07, 2017, 22:23:34 pm
nemmeno io ho le idee tanto chiare a dire la verità  :asd:

vorrei fare né più ne di meno un'agenzia interinale e far offrire alle nuove start-up o piccole aziende pagamenti in bitcoin/token ai propri dipendenti attraverso la nostra piattaforma

mo io dico "dipendenti" ma non essendo il bitcoin regolamentato in niente uno non è tuo dipendente nè un sottoposto. Lavoro libero in un mercato libero.

la dipendenza del lavoro non la fa il pagamento ma il "vantaggio"
se fai un lavoro di cui mi avvantaggio e non lo fai da professionista o da azienda fornitrice lo fai da dipendente. formalmente credo che anche i volontari siano dipendenti, non sono sicuro al 100% ma quanto a tutele sul luogo di lavoro dovrebbero essere equiparati
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 22:43:06 pm
Na volta si portava il "ti pago in visibilità" mo si portano i bitcoin :look:

Inviato dal barbiere di Fellaini

se il mio stipendio del 2016 fosse stato in bitcoin oggi ti scriverei dalla mia isola privata  :look:


detto questo

dopo supporto più approfondito è venuto fuori che in italia è possibile versare uno stipendio in bitcoin o token, ma prestabilito in euro su cui si pagheranno in euro tutte le tasse relative.
Non è possibile aggirare la pesante legislazione e tassazione ma è possibile rendere di appeal ricevere un token come stipendio.
Essendo il token a tutti gli effetti uno share del valore dell'azienda in cui si lavora, non si ha il solo stipendio, ma anche una parte di ogni singolo euro che viene investito nella compagnia da terzi. oltre a quello dei profitti che il business ricava. In questo modo si potrebbe abbassare progressivamente la parte fissa e offrire uno share della compagnia. Sarebbe una forma di retribuzione molto più equa di quella che c'è adesso, e molto più facile da reggere per una start-up.

Il problema è che la maggior parte delle persone quando si cerca di innovare reagiscono così:

Ma pijatev scuorn
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Ford Perfect - Settembre 07, 2017, 22:55:31 pm
se il mio stipendio del 2016 fosse stato in bitcoin oggi ti scriverei dalla mia isola privata  :look:


detto questo

dopo supporto più approfondito è venuto fuori che in italia è possibile versare uno stipendio in bitcoin o token, ma prestabilito in euro su cui si pagheranno in euro tutte le tasse relative.
Non è possibile aggirare la pesante legislazione e tassazione ma è possibile rendere di appeal ricevere un token come stipendio.
Essendo il token a tutti gli effetti uno share del valore dell'azienda in cui si lavora, non si ha il solo stipendio, ma anche una parte di ogni singolo euro che viene investito nella compagnia da terzi. oltre a quello dei profitti che il business ricava. In questo modo si potrebbe abbassare progressivamente la parte fissa e offrire uno share della compagnia. Sarebbe una forma di retribuzione molto più equa di quella che c'è adesso, e molto più facile da reggere per una start-up.

Il problema è che la maggior parte delle persone quando si cerca di innovare reagiscono così:


retrogradi! per non parlare dell'annoso problema del piatto a tavola, magnamm da 4 mila anni, ancora tenimm famm!!!! :shhlook:

scherzi a parte, la maggior parte della gente lavora per bisogno non per investimento, concettualemtne non si può non essere d'accordo, ma il mutuo te lo addebitano tutti i mesi, non solo quando cambi i bitcoin o se la start up va bene. siamo alle solite ma dovrebbe essere lo stato (e le banche in alcuni casi) ad accollarsi il supporto allo start, non il lavoratore. per il lavoratore potrebbe, al massimo, essere un'opzione stimolante, magari per il giovane che ancora non ha famiglia, ma non uno strumento di selezione per decidere a chi far fare il lavoro :sisi:
al massimo al massimo potrebbe essere una semplificazione dei rapporti in un ambiente circoscritto tipo incubatori d'impresa
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 23:07:55 pm
retrogradi! per non parlare dell'annoso problema del piatto a tavola, magnamm da 4 mila anni, ancora tenimm famm!!!! :shhlook:

scherzi a parte, la maggior parte della gente lavora per bisogno non per investimento, concettualemtne non si può non essere d'accordo, ma il mutuo te lo addebitano tutti i mesi, non solo quando cambi i bitcoin o se la start up va bene. siamo alle solite ma dovrebbe essere lo stato (e le banche in alcuni casi) ad accollarsi il supporto allo start, non il lavoratore. per il lavoratore potrebbe, al massimo, essere un'opzione stimolante, magari per il giovane che ancora non ha famiglia, ma non uno strumento di selezione per decidere a chi far fare il lavoro :sisi:
al massimo al massimo potrebbe essere una semplificazione dei rapporti in un ambiente circoscritto tipo incubatori d'impresa

E' normale che non tutti se lo possono permettere però magari invece dello stage schiavista puoi offrire un contratto più economico per te nel breve e più conveniente a lui nel lungo.
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Puck - Settembre 07, 2017, 23:09:21 pm
Tra bitcoin e questo...volevo solo dire a True che è stato un valido utente e lo saluto prima che sparisca verso Panama :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 23:11:34 pm
Tra bitcoin e questo...volevo solo dire a True che è stato un valido utente e lo saluto prima che sparisca verso Panama :look:

immagino che ce l'abbiano internet  :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Puck - Settembre 07, 2017, 23:14:44 pm
immagino che ce l'abbiano internet  :look:

Si ma o sarai sfondo di soldi e immagino che avresti modi migliori di passare il tempo :look: o sarai al gabbio :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Ford Perfect - Settembre 07, 2017, 23:16:38 pm
E' normale che non tutti se lo possono permettere però magari invece dello stage schiavista puoi offrire un contratto più economico per te nel breve e più conveniente a lui nel lungo.

il problema è levare da mezzo lo stage schiavista, non aggiungerci un po' di vaselina.... :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: #amanteroschifo - Settembre 07, 2017, 23:18:13 pm
Tra bitcoin e questo...volevo solo dire a True che è stato un valido utente e lo saluto prima che sparisca verso Panama :look:
Magari tra un po' unisco al topic del confronto tra carabinieri e polizia. :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 23:20:22 pm
Si ma o sarai sfondo di soldi e immagino che avresti modi migliori di passare il tempo :look: o sarai al gabbio :look:

o magari ricco col wifi nella prigione  :look:

il problema è levare da mezzo lo stage schiavista, non aggiungerci un po' di vaselina.... :look:

uno stage schiavista nell'apple 15 anni fa ti sarebbe fruttato milioni  :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: True User of Liberty - Settembre 07, 2017, 23:21:35 pm
Magari tra un po' unisco al topic del confronto tra carabinieri e polizia. :look:

puoi unire con quello dei bitcoin tanto è la stessa cosa, volevo più visibilità ma ormai ho avuto i dettagli che mi interessavano  :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Ford Perfect - Settembre 07, 2017, 23:26:39 pm
o magari ricco col wifi nella prigione  :look:

uno stage schiavista nell'apple 15 anni fa ti sarebbe fruttato milioni  :look:

15 anni fa di questi tempi già iastemmavo sviluppo italia che non mi rispondeva alla richiesta di finanziamento :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Gran Seola - Settembre 08, 2017, 00:23:43 am
Ma poi ste famose startap di cui si parla cosa dovrebbero produrre in particolare? Cioè a che cazzo servono oltre nel migliore dei casi a rendere scema la gente e brutto il mondo? :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: Puck - Settembre 08, 2017, 09:25:13 am
Ma poi ste famose startap di cui si parla cosa dovrebbero produrre in particolare? Cioè a che cazzo servono oltre nel migliore dei casi a rendere scema la gente e brutto il mondo? :look:

Servono a fregare soldi alla gente scema ma sono a tempo determinato, dato che renderanno le nuove generazioni troppo sceme per fare soldi :look:
Titolo: Re:Amici giuristi
Inserito da: mtpgpp - Settembre 08, 2017, 09:56:11 am
Il pagamento del lavoro in varie forme di baratto esiste (banche del tempo cambio merci ecc) ma è o tra società/professionisti o saltuario.

Uno che lavora  devi comunque assicurarlo è pagare contributi anche  ai fattorini saltuari pagati a consegna (es foodora) sono pagati https://www.google.it/amp/www.corriere.it/economia/16_novembre_04/quattro-euro-consegna-contributi-assicurazione-infortuni-vi-spieghiamo-perche-paghiamo-cosi-5c81fbb4-a2b4-11e6-9bbc-76e0a0d7325e_amp.html

Inviato dal mio SM-G920F utilizzando Tapatalk